Peterson chiama, Canicattì risponde

DiRoberto Quartarone

Gen 19, 2011

Basket: c’è anche una minuscola presenza sicula nell’evento cestistico degli ultimi 400 anni. L’Orlandina aggancia la vetta grazie a Freud

I migliori del basket siciliano.

MELI (Canicattì, C dilettanti) – Nell’evento cestistico degli ultimi quattro secoli, il ritorno di coach Peterson in panchina (da infarto l’annuncio delle tv: “A 75 anni Dan Peterson…”), c’è anche una minuscola presenza sicula poco prima dell’ingaggio milanese. “Se parlassi da allenatore in anticipo, Proli dovrebbe mandarmi a Canicattì”. La stucchevole prassi del basket ha richiesto una risposta seria del presidente Calogero Meli con l’elenco delle virtù della sua Gaudium, peraltro in testa al campionato. E meno male che alla fine c’è uscito un invito. Coach, citi Canicattì quando vuole e venga in Sicilia.

EVANGELISTI (Trapani, A dilettanti) – Un primo quarto indecente da 27-7 e la conseguente sconfitta di Barcellona a Udine trasferiscono le attenzioni sul trentello sfiorato da Evangelisti ad Anagni: 29 punti con 8/11 al tiro e 12/12 ai liberi (mostruoso il 31/33 dell’intera squadra). Trapani scappa nell’ultimo quarto e si accampa al secondo posto.

FABI (Patti, A dilettanti) – Un +14 a rimbalzo e un +6 alla voce assist, ma soprattutto i 24 punti dell’italo-argentino. Se Patti non avesse vinto contro una Rieti così floscia, ci sarebbe stato da avvilirsi. C’è riuscita nell’ultimo minuto per un punto, dopo l’errore di Dri dalla lunetta.

CARUSO (Capo d’Orlando, B dilettanti) – Qui tutto ruota attorno a Fantozzi. Un uomo divorato da chissà quali conflitti interiori dato che come allenatore di Reggio Calabria contende la promozione alla città che gli ha intitolato il palasport. Roba da andare in analisi. Il coach della Viola risolve la questione con una sconfitta freudiana a Francavilla e si fa raggiungere da Capo d’Orlando al primo posto. Ma quanta fatica a Bari per i messinesi, trascinati dai 16 punti di Juan Martin.

MILAZZO (Alcamo, A2 femminile) – La prevedibilissima frenata di Priolo contro Schio è compensata da un altro aggancio siciliano in cima alla classifica. Alcamo ci arriva superando Rende con i 14 punti e gli 8 rimbalzi di una ex priolese alta 165 centimetri. Potere ai piccoli.

Emanuele Grosso