Paternò, tre novità per la salvezza

Si completa la maturazione… Tre innesti nel gruppo storico: Famà, Castiglione, Duscio… De Luca: «Vogliamo fare un campionato tranquillo»… A. Lo Faro fuori a lungo…

Da cinque anni a questa parte, il Basket Club Paternò ha poco a poco riconquistato la posizione che gli compete. Ripartito dalla Promozione con un gruppo di ragazzi del settore giovanile, sono stati proprio loro a riportarlo in Serie D e poi a mantenere la categoria per due stagioni. Il processo di maturazione è ora completo: la squadra è stata ripescata in Serie C2, e l’affronterà con tre innesti di categoria e il gruppo dei paternesi.

«Il nostro obiettivo è fare un campionato tranquillo contando su una squadra di soli giocatori locali – spiega Rocco De Luca, tecnico dei biancorossi dallo scorso gennaio –, tra cui molti esordienti. Proprio per questo abbiamo confermato in blocco la squadra dell’anno passato (solo Virzì è tornato all’Adrano) e avremo a disposizione Enrico Famà, cresciuto con noi e di rientro dopo tanti anni tra B2, C1 e C2, Salvo Duscio e Vincenzo Castiglione. Tutti e tre hanno giocato nell’Adrano fino a due anni fa e rinforzeranno il nostro quintetto. I più piccoli saranno il ’93 Salvo Asero e il ’94 Alessandro Rao, mentre non potremo contare su Andrea Lo Faro, che si opererà al ginocchio a inizio ottobre e i cui tempi di recupero sono lunghi».

La squadra è inoltre formata dai confermati Bertolo, T. Rao, Santonocito, Fiorito, Emanuele, F. Lo Faro, Musumeci, Asero… I biancorossi si allenano da inizio settembre in casa e si preparano ora alla prima uscita. «La preparazione procede bene – prosegue De Luca –, stiamo lavorando duramente sia nella parte atletica sia sul campo. Domani giocheremo contro il Gravina, sicuramente saremo imballati ma l’amichevole servirà per verificare il lavoro fatto e tornare in campo».

Paternò si ripresenta in C2 come un’incognita: in D si è distinto per l’entusiasmo (della società e del pubblico), il gioco veloce e di squadra, che sopperisce a qualche lacuna tecnica, ma nella nuova categoria avrà di fronte degli avversari di altro livello. La qualità dei tre nuovi arrivati non si discute: Famà sarà il trascinatore, mentre Castiglione e Duscio avranno sicuramente bisogno di tempo per tornare quelli di una volta (l’ala è ferma da un anno e mezzo, il pivot ha fatto una fugace apparizione all’EuroVirtus lo scorso anno). La salvezza del Paternò passerà dal loro inserimento nel gruppo, ma anche dall’adattamento dei confermati alla nuova categoria.

Roberto Quartarone

Torna in alto