C Dil.: Unifarmed-Battipaglia 70-65

DiComunicati

Dic 14, 2009

Adrano, 2 punti in casa 7 mesi dopo… Gioco efficace… Tre quarti ad incrementare il vantaggio… Brividi negli ultimi dieci minuti… Tripla di Sortino annullata…

testata

Unifarmed-Battipaglia 70-65
PalaTenda di Adrano, 13 dicembre, 18:00

Unifarmed Adrano: Sortino 10, Verzì ne, Russo 5, R. Saccà 22, De Masi ©, Bonaiuto 3, Belli 11, Famà ne, Grasso 15, A. Saccà 4. All.: Bordieri.
Virtus Battipaglia: Esposito 10, Menduto © 14, Muhemedi 3, Milano, Simioli 16, Vicinanza 9, Errico 6, Fabiano 7. All.: Sanfilippo.
Arbitri: Belcuore di Calolzio Corte e Liberali di Milano.
Parziali: 19-15, 18-12; 22-17, 11-21.

Battipaglia è in caduta libera in classifica (cinque sconfitte consecutive con quella di ieri), presenta otto ragazzi a referto, Alessandro Bertini (16,6 punti di media finora) è rimasto a casa. Sembrerebbe un compito facile per Adrano tornare alla vittoria in casa a distanza di sette mesi e mezzo, dalla vittoria in gara-2 dei quarti dei play-off su Siracusa.

In campo, per lunghi tratti è effettivamente così. Se Adrano non è particolarmente brillante, esprime comunque un gioco abbastanza efficace, con un Sortino dalle tante idee, un Grasso importante da tre e sotto canestro, un Belli che colpisce quando deve. Così è anche per Roberto Saccà, onnipresente in attacco, rapido in difesa.

Adrano passa i primi tre quarti ad incrementare il vantaggio. Lo consolida in fretta, poi si limita a gestire e a piazzare vari allunghi. Alla fine del primo quarto, Giacomo Belli recupera un rimbalzo difensivo, passa a Dario Sortino che sulla linea difensiva di tre punti tira sulla sirena (anzi sul fischio degli ufficiali di campo: la sirena rotta ancora non è stata rimpiazzata dal comune): tabellone e canestro, annullato però dagli arbitri perché il tiro è stato scoccato dopo la fine del periodo.

Si prosegue sempre con i bianconeri in vantaggio, mentre Battipaglia si affida alle sortite dei lunghi Menduto e Simioli. C’è spazio anche per Damiano Russo, che segna i suoi primi punti in stagione con una tripla e da due. Negli ultimi 10’, ecco l’inaspettato ritorno dei campani. Adrano sembra tirare i remi in barca, sbaglia alcune azioni elementari sotto canestro e Battipaglia crede nella rimonta. Sul -6, Giacomo Belli recupera un rimbalzo difensivo e subisce fallo: i suoi due liberi segnano la fine della gara.

Finalmente al terzultimo posto (che significa salvezza o al limite play-out con la penultima), l’Unifarmed è giunta alla seconda vittoria consecutiva e ha trovato, soprattutto, serenità e sicurezza nei propri mezzi. Ci sarà tempo e modo di tornare al massimo della condizione: il rientro di Enrico Famà (in panchina a fare da allenatore aggiunto) e l’arrivo di un nuovo acquisto che potrebbe arrivare a gennaio potranno solo giovare al quintetto adranita.

Roberto Quartarone