Basket, C2/m: S.Luca-Grifone 58-66

Clamorosa vittoria della Grifone Catania nella gara-1 dei play-off a Siracusa.

San Luca-Grifone 58-66
PalaLoBello di Siracusa, 26 aprile, 18:00

San Luca Aretusa Siracusa: F. Messina 20, Micalizzi 3, I. Messina 4, Siracusa 17, Gugliotta, Gentile 14, De Pasquale, M. Scrofani ne, R. Scrofani ne, Rizza ne. Allenatore: Anastasi.
Grifone Catania: Consoli 19, Marzo 24, Mazzerbo 17, Marletta 4, Livera 2, Grasso, R. Pulvirenti, M. Pulvirenti, Saccà, Orlando ne, Di Stefano ne, Anselmi ne. Allenatore: Famoso.
Arbitri: Costa di Ragusa e Buscema di Scicli.
Parziali: 10-14, 29-25, 44-42.

IMPECCABILE. Altra buona prova per Vittorio Mazzerbo [Basket Catanese].

Nell’andata dei quarti di finale dei play-off del campionato di C2 maschile, il Grifone Catania conquista un’esaltante vittoria sul parquet del PalaLoBello contro il San Luca Aretusa di Siracusa, imponendosi per 66-58. Mercoledì pomeriggio (ore 17), al PalaGalermo, le due formazioni si ritroveranno di fronte nella partita di ritorno. Gara 1 promuove a pieni voti la compagine del presidente Nino Vergani.

Il primo parziale è di studio e il Grifone lo chiude con 4 punti di vantaggio. Nel secondo periodo l’equilibrio permane. Al riposo lungo i siracusani conducono per 29-25. Anche nel terzo quarto di gioco, le due formazioni lottano punto a punto (44-42 per il San Luca Aretusa). Nell’ultimo tempino, il quintetto etneo esce con prepotenza e schiaccia il piede sull’acceleratore, con Consoli, Marzo, Mazzerbo ed un super Orazio Livera, che calamita tutti i rimbalzi sotto le plance. Pietrino Marzo dirige la squadra da par suo e realizza canestri a ripetizione.

Marco Consoli si sacrifica in difesa su Ciccio Messina e in attacco fa valere la sua forza nelle penetrazioni. Vittorio Mazzerbo gioca un incontro impeccabile sia in fase difensiva sia in fase d’attacco. In evidenza anche Antonio Marletta, Roberto Pulvirenti, Marco Pulvirenti e Luca Grasso, che nel finale concede un po’ di respiro a Marzo nel contrastare il miglior realizzatore dei locali, Siracusa. Nel finale c’è gloria anche per il giovane catanese Andrea Saccà, in campo per pochi minuti.

Umberto Pioletti

Torna in alto