Basket, P/m: Energy-Ilga 51-61

Risale ulteriormente in classifica l’Ilga Palagonia, che vince in casa della derelitta Energy Club.

Energy-Ilga 51-61
PalaZurria di Catania, 8 febbraio, 18:00

Energy Club Catania: Meli (k) 13, Guerra 7, Papotto 2, Benina 4, Lo Certo I 12, Lo Certo II 13, Lombardo, Casicci, Guglielmino I, Quartarone. All.: Alonzo.
PGS Ilga Palagonia: Saturno, Nicolaci (k) ne, Di Maria 8, P. Favata 12, F. Favata 18, Marino 4, Coco 11, Tutino 6, Scirè Scappuzzo 2.
Arbitro: Piana di Catania.
Parziali: 4-15, 17-14; 14-13, 16-19.
Spettatori: 20.

img_4412-copia.jpg

IN CRESCITA. Valerio Papotto, 20 anni, positivo in difesa [EnergyCT.it].

Cominciamo con due notizie che esulano dalla gara: l’incontro con il Paternò, inizialmente perso a tavolino, verrà recuperato quanto prima; Damiano Di Grazia, durante l’ultima gara, ha riportato la frattura scomposta del mignolo: per lui si prevede un periodo di stop…

Energy-Ilga è la partita dei numeri improponibili. Si parla di ventotto falli fischiati all’Energy Club. Si dice di un intero quintetto che si stabilisce sul rasoio dei quattro falli personali. E ci stanno quasi tutti, ad onor del vero. Si narra di un iniziale -11 da paura centrato dall’Ilga, che inizialmente era andata sotto di due canestri. Si racconta addirittura dei simpatici 66, 74 e 82 degli ospiti che fanno tanto NBA… Ma di bel gioco, in campo, se ne vede poco.

La squadra di Nicolaci è venuta a Catania per fare risultato, per risalire ulteriormente in classifica dopo le vittorie su EuroVirtus e Grammichele. Fa la sua gara: la prestanza fisica e atletica è indubbia e l’Energy Club non può far altro che rispondere provando a giocare. Provando. Con Daniele e Domenico Lo Certo in cabina di regia, un po’ di organizzazione in più c’è. Ma un po’…

Il problema è che per tutta la gara, l’Ilga entra a canestro, sbaglia, recupera il rimbalzo e segna; dall’altra parte, si tenta di più il tiro da fuori, si sbaglia e si deve scendere nuovamente in difesa. Dopo il tremendo avvio, però, tutta la squadra fa del suo meglio per rimontare. La difesa ad uomo, però, salta spesso: l’imputato del giorno è Enzo Meli, apparso in più occasioni troppo svagato…

A tappare i buchi ci pensano Concetto Guerra nel primo periodo e Valerio Papotto poi: veramente ottimi i miglioramenti del secondo, che si esibisce anche in due stoppate. Gli altri contribuiscono a vario titolo a mantenere viva la speranza, ma nessuno incide in particolare: Daniele Lo Certo si risveglia con un paio di triple, Domenico viene preso dai crampi e gioca a denti stretti, Gianluca Benina subisce falli su falli ma tiene duro e risponde a tono.

Alla fine, manca la lucidità per completare la rimonta. Dal 29-33 a metà del terzo periodo si crolla di nuovo al 35-42 e poi al finale 51-61. Risultato giusto, s’intenda, ma magari non con questo scarto.

Roberto Quartarone

12 commenti su “Basket, P/m: Energy-Ilga 51-61”

  1. Ciao Roberto, mi chiamo Fabio e sono un diretto interessato alla vicenda Paternò. Ma un incontro già omologato può essere ripetuto? Te lo chiedo no per fare polemica, ma per informazione.
    Già il giudice ha sentenziato con il comunicato ufficiale la sconfitta per tutte e 2 le squadre ed in più l’ammenda. Come è possibile? Si può fare marcia indietro?
    Non ho nulla contro di voi, ribadisco.

  2. Ciao Roberto, mi chiamo Fabio e sono un diretto interessato alla vicenda Paternò. Ma un incontro già omologato può essere ripetuto? Te lo chiedo no per fare polemica, ma per informazione.
    Già il giudice ha sentenziato con il comunicato ufficiale la sconfitta per tutte e 2 le squadre ed in più l’ammenda. Come è possibile? Si può fare marcia indietro?
    Non ho nulla contro di voi, ribadisco.

  3. Onestamente, non lo so. Credevo anch’io che una partita omologata fosse “chiusa”… Penso comunque che ci sia stato un problema di comunicazione a monte, tra le tre parti (federazione, Paternò ed Energy), quindi indipendente dalla volontà di tutt’e tre… Vedremo gli sviluppi! 🙂

  4. Onestamente, non lo so. Credevo anch’io che una partita omologata fosse “chiusa”… Penso comunque che ci sia stato un problema di comunicazione a monte, tra le tre parti (federazione, Paternò ed Energy), quindi indipendente dalla volontà di tutt’e tre… Vedremo gli sviluppi! 🙂

  5. grazie roberto..penso cmq ke la federazione ha cercato di coprire un suo errore..perkè in ben 2 comunicati ufficiali ha ribadito la rinuncia delle 2 squadre. Scandaloso!

  6. grazie roberto..penso cmq ke la federazione ha cercato di coprire un suo errore..perkè in ben 2 comunicati ufficiali ha ribadito la rinuncia delle 2 squadre. Scandaloso!

I commenti sono chiusi.

Torna in alto