Nuovo percorso per la circolare 524 AMT di Catania

Dal 23 Febbraio 2015 la circolare 524 “Piazza Borsellino – Santa Maria Goretti” dell’Azienda Metropolitana Trasporti di Catania non transiterà più dall’Aeroporto “Vincenzo Bellini”. Il nuovo percorso nasce nell’attesa della nuova apertura del Parcheggio Scambiatore “Fontanarossa” previsto nei prossimi mesi. Ecco il nuovo percorso: Piazza Borsellino, Via Mulino Santa Lucia, Via Cristoforo Colombo, Via Domenico Tempio, Faro Biscari, Via San Giuseppe La Rena, Via Santa Maria Goretti, a destra su Via Fontanarossa, asse dei servizi direzione centro, uscita ex mercato ortofrutticolo, rotatoria, asse dei servizi direzione Aeroporto, uscita Aeroporto, via Fontanarossa. Via Santa Maria Goretti, Via San Giuseppe La Rena, Via A. Vespucci, Via Forcile, Asse dei Servizi direzione Centro, Faro Biscari, Via Domenico Tempio, Via Cristoforo Colombo, Via Mulino Santa Lucia, Piazza Borsellino. Approfondisci

Ritorna la linea 201 dell'AMT da Catania a Gravina con un nuovo percorso

Dal lunedì 3 Settembre 2012 ritorna la circolare 201 “Piazzale Sanzio – Gravina di Catania” dell’AMT di Catania con un nuovo percorso. In pratica la circolare 201 arriva da Gravina di Catania fino alla Villa Bellini per poi svoltare per Via Umberto per fare capolinea a Piazzale Sanzio. Negli anni passati invece la linea 201 utilizzava Via Ingegnere per arrivare a Piazzale Sanzio. La convenzione AMT con il comune di Gravina di Catania è ritornata dopo alcuni anni di sospensione. Approfondisci

In consegna le tessere AMT disabili

La direzione Famiglia e Politiche sociali del Comune di Catania comunica che, a partire da martedì 3 Gennaio 2012, potranno essere ritirate presso i Centri sociali territoriali di appartenenza le tessere di libera circolazione “AMT disabili” 2012 da coloro che hanno presentato richiesta entro l’11/10/2011.

Successivamente, a partire dal 02/02/ 2012, potranno ritirarle gli utenti che hanno avanzato richiesta dal 12/10/2011 all’11/11/2011.

Scicli, chiesta una proroga per le tessere Ast degli anziani

Il sindaco di Scicli, Giovanni Venticinque, ha scritto ai vertici regionali dell’Ast, l’Azienda Siciliana Trasporti, per chiedere la proroga della validità delle tessere in possesso degli anziani, che consentono loro di circolare gratis sugli autobus urbani.

Il 21 dicembre l’Ast aveva prolungato il periodo di validità delle tessere di libera circolazione per gli anziani aventi diritto al 28 febbraio 2011. Il 29 dicembre l’Azienda ha revocato tale disponibilità, annunciando che le tessere avrebbero perso la loro validità il 31 dicembre scorso.

“L’amministrazione comunale – scrive il sindaco in una lettera alla Direzione Generale dell’Ast di Palermo – allo scopo di ovviare ai disagi causati dall’interruzione del servizio ai danni di una fascia di popolazione già afflitta da altri problemi e difficoltà, chiede la proroga della validità delle tessere di trasporto gratuito per gli anziani fino all’inoltro delle nuove tessere”.

Niente proroga, niente trasporto pubblico per gli anziani

Nessuna proroga all’utilizzo dei tesserini Ast per il trasporto urbano ed extraurbano gratuito degli anziani siciliani è stata per il momento comunicata dalla Regione ai Comuni.

Anche  il Comune di Caltagirone non ha ricevuto alcuna comunicazione in merito. Pertanto, sono scaduti il 1° gennaio 2011 i termini per l’utilizzo dei vecchi tesserini, ragion per cui i circa duemila “nonnini” che, a Caltagirone, hanno sin qui beneficiato del servizio, non possono più servirsi gratuitamente dei pullman.

“Tutto ciò – sottolinea l’assessore alle Politiche sociali Cristina Navarra – rappresenta un grave disservizio che limita l’autonomia e la capacità di spostamento di molti anziani. Siamo consapevoli del notevole  costo del servizio, ma la risposta non può essere certo la sua soppressione. Una soluzione – aggiunge l’assessore – potrebbe essere rappresentata dall’attribuzione di un fondo ai Comuni, che permetta loro di farne beneficiare quanti, rispondendo a determinati requisiti, ne hanno effettivamente bisogno”.

Per il sindaco Francesco Pignataro “ancora una volta si rischia di far ricadere sulle fasce più deboli le conseguenze di politiche dissennate. Faremo sentire la nostra voce – prosegue il primo cittadino -, per evitare che gli anziani della nostra città vengano penalizzati, dichiarandoci nel contempo disponibili a una rivisitazione del quadro attuale, che tenga in adeguata considerazione le legittime esigenze di razionalizzazione della spesa”.