Dal 3 al 6 Dicembre 2015 a Gravina di Catania c'è "Via dei Corti", il 1° Festival Indipendente di Cinema Breve

CORTIL’Associazione Gravina Arte con il patrocinio del Comune di Gravina di Catania organizza il 1° Festival Indipendente di Cinema Breve – “Via dei Corti”. In un momento come quello di oggi, dove l’arte e soprattutto il cinema rischiano di essere sopraffatti dall’apatia generale, manifestazioni di questo tipo hanno il presupposto di convogliare le energie innovative in qualcosa di artistico e universale. Ecco perché il Festival è aperto a tutti senza distinzione di età e nazione.

Si tratterà di una quattro giorni di full immersion dedicata non solo al mondo del cinema con workshop, come il laboratorio di tecniche cinematografiche “Come in un film”, incontri e proiezioni serali, ma anche ad iniziative collaterali come la sezione “Non solo Cinema” dove verranno affrontate tematiche attuali come l’immigrazione. La rassegna proporrà, infatti, “Campus”, interamente dedicato a giovani e giovanissimi, con vere e proprie lezioni di cinema che avranno luogo nel corso delle giornate del festival presso il Teatro “Angelo Musco” e il vecchio Municipio di Gravina di Catania (CT). Approfondisci

Caccia spietata ai "pendolari" dei rifiuti

Una decina al giorno, quasi seicento da febbraio ad agosto,  i verbali elevati dagli ispettori ambientali del Comune di Catania, nei confronti di chi sversa abusivamente i  rifiuti e non si attiene agli orari di conferimento.

Da una statistica elaborata dagli uffici della Direzione Ecologia e Ambiente si evince che chi viola maggiormente il divieto imposto dall’ordinanza sindacale, che prevede il deposito dei rifiuti in orari stabiliti, sono i cosiddetti “pendolari”, cittadini che risiedono nell’hinterland etneo e giornalmente si recano a Catania per motivi di lavoro o di studio.  Costoro, infatti, anziché depositare il proprio sacchetto nei contenitori del paese di appartenenza, pensano bene di approfittare della presenza dei cassonetti dei quartieri periferici di Catania e prima di recarsi in ufficio o a scuola depositano i resti dei loro rifiuti.

Ogni mattina, gli ispettori ambientali del Comune di Catania, stazionano in prossimità dei cassonetti dei quartieri periferici, per cogliere  in flagranza chi  deposita la spazzatura dove non dovrebbe, oltre a farlo diverse ore prima dell’orario previsto provocando grave danno ambientale e sono diversi quelli che vengono colti sul fatto. Ma evidentemente tutto ciò non basta, perchè oltre alla violazione dell’orario siamo in presenza anche di una “violazione” territoriale del deposito dei rifiuti.

I trasgressori sono principalmente residenti nei comuni di Gravina di Catania, S. Pietro Clarenza, S. Gregorio, Tremestieri Etneo, Misterbianco, Mascalucia, Aci S. Antonio, Acicastello, Acicatena, Acireale, Adrano, Belpasso,  Biancavilla, Camporotondo, Motta S. Anastasia, Nicolosi, Paternò, Pedara, S. Agata li Battiati, S. Giovanni La Punta , S. Maria di Licodia.

La spazzatura importata dai paesi dell’hinterland ovviamente fa lievitare i costi per lo smaltimento in discarica, che sono sopportati da chi risiede in città attraverso il pagamento della TARSU.

“Proprio per questo – sottolinea l’assessore Carmencita Santagati – i controlli sul territorio verranno intensificati per venire a capo di una situazione diventata insostenibile che crea notevoli disagi economici sia al Comune di Catania, sia ai cittadini contribuenti. Per non parlare della situazione igienica poiché i contenitori sono svuotati a partire dalle ore 22, 00 di ogni sera. Per ovviare e combattere questo fenomeno di malcostume nei prossimi giorni il gruppo di vigilanza sarà ampliato per reprimere questi fenomeni di malcostume, di chi risiede in un Comune limitrofo getta i suoi rifiuti nel nostro territorio. Rinnovo inoltre l’invito ai residenti a Catania, gli unici titolati a gettare i rifiuti nei cassonetti sparsi in Città, a rispettare gli orari di conferimento che sono dalle 19 alle 23 fino al 31 ottobre e dalle ore 17 alle 23 a partire dall’1 novembre”.

I trasgressori saranno puntiti, a norma dell’art. 7 bis D. Lgs 267/2000, con la sanzione amministrativa del pagamento di una pena pecuniaria che va da un  minimo di 25,00 a un massimo di 500,00 euro.

Inaugurata stagione invernale "Gravina Arte"

L’Associazione Gravina Arte ha inaugurato la stagione invernale con “La Bella Italia”, concerto di musica lirica e classica in occasione dei festeggiamenti per il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia, dedicato alle bellezze, alle risorse, ai grandi artisti che hanno fatto grande il Bel Paese.

L’evento si è svolto nell’Auditorium “A. Musco” di Gravina di Catania, Centro Civico di Via Vecchia San Giovanni, l. “Si tratta di un appuntamento molto gradito – dichiara in una nota il sindaco di Gravina di Catania Domenico Rapisarda – che continua i festeggiamenti del nostro Comune in occasione dell’Unità d’Italia. Ringrazio l’Associazione Gravina Arte, e la sua presidente Marcella Messina, che proprio quest’anno ha ottenuto dal nostro Comune il riconoscimento ufficiale di Associazione di interesse comunale, per il lavoro svolto nel diffondere l’arte di ogni tempo e in ogni suo aspetto con particolare riferimento a quello musicale”.

Cavalcavia San Paolo, aperta una corsia, cominciano i lavori sull'altra

E’ stato riaperto al traffico veicolare martedì 13 settembre il tratto di via Passo Gravina compreso tra San Paolo di Gravina e Via Due Obelischi, da alcuni giorni oggetto di lavori che hanno interessato la sostituzione di sei giunti di dilatazione, disposti dal sindaco Raffaele Stancanelli e dall’assessore alle manutenzioni Sebastiano Arcidiacono, per attenuare i rumori al passaggio delle auto e consolidare il sistema delle giunzioni e renderli più sicuri.

I lavori che vengono eseguiti da personale specializzato della Multiservizi e che si stanno rivelando più complessi del previsto per via del cattivo stato di manutenzione, da domani si sposteranno sul tratto compreso tra via Passo Gravina – S. Paolo e riguarderanno la sostituzione di altri 14 giunti di dilatazione con relativo getto di calcestruzzo armato per migliorarne la sicurezza .

“Secondo il programma di lavoro – spiega l’assessore Sebastiano Arcidiacono – la riapertura di questo tratto avverrà presumibilmente lunedì 19 settembre, poiché si lavorerà anche nella giornate di sabato e se necessario anche domenica. Solo a quel punto – continua Arcidiacono – provvederemo alla chiusura del cavalcavia S.Paolo – Via Passo Gravina dove verranno sostituiti altri nove giunti di dilatazione e ripuliti i pluviali posti in corrispondenza in ognuno dei giunti oggetto dei lavori che contiamo di completare entro la prossima settimana”.