Un piano per la "ciclabilità" di Catania

Sarà discussa a Catania la redazione di un “Piano Quadro della ciclabilità” promosso dagli Ordini provinciali degli Architetti e degli Ingegneri, in linea con la filosofia del gruppo cittadino di Critical Mass (Cmc), il movimento europeo che riunisce “il popolo delle biciclette”.

Sarà questo l’argomento della conferenza stampa che si terrà venerdì 21 settembre, alle 10.30, nella sede dell’Ordine degli Ingegneri (via V. Giuffrida 202), in cui interverranno il presidente degli Architetti Luigi Longhitano, e quello degli Ingegneri Carmelo Maria Grasso.

All’incontro sono stati invitati il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli, l’assessore comunale alla Mobilità e Viabilità Santi Maria Cascone, il presidente della Provincia regionale di Catania Giuseppe Castiglione,  l’assessore provinciale ai Lavori Pubblici, Viabilità, Mobilità e Trasporti Francesco Nicodemo, e i rappresenti del Cmc.

L’iniziativa, che si svolge in concomitanza con la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2012, intende promuovere la diffusione e la valorizzazione dell’uso della bicicletta nel capoluogo etneo, ripensandolo all’interno di un più ampio piano strategico del sistema dei trasporti in città. «La bicicletta infatti – affermano Grasso e Longhitano – non solo è un mezzo ottimale nei percorsi di breve percorrenza, ma favorisce una generale riqualificazione delle arterie stradali in funzione degli utenti deboli della strada, la diminuzione dell’inquinamento acustico e atmosferico, la riduzione degli incidenti e la riscoperta della funzione sociale della strada».

«Il Piano Quadro di cui intendiamo proporre la redazione – aggiungono i presidenti – nasce dall’obiettivo di programmare piste e itinerari ciclabili che migliorino la circolazione in città, individuando anche zone urbane favorevoli. Inoltre verrà promosso il tema dei parcheggi delle biciclette, con particolare riferimento all’area del centro storico e della zona mare, approfondendo anche l’aspetto della riorganizzazione della sosta in rastrelliere diffuse sul territorio».

Tasse: a Caltagirone fronte comune per proteggere i più deboli

Le proposte di nuovi regolamenti su Imu e Tarsu terranno nella massima attenzione possibile le esigenze delle fasce più deboli della popolazione”. Sono gli impegni emersi dall’incontro svoltosi al municipio di Caltagirone – su richiesta dei rappresentanti di Spi Cgil Tina Bizzini, Uilp Uil Salvatore Granato e Anp Cia Gerardo Gugliuzza – fra l’assessore alle Finanze Salvo Russo, la dirigente del settore Concetta Di Dio e gli stessi sindacalisti. Al centro della riunione le tassazioni che interesseranno le famiglie, i lavoratori, ma soprattutto i pensionati anche di Caltagirone.

“Abbiamo concordato con i sindacati, che ringraziamo per la sensibilità a queste tematiche così rilevanti – evidenzia l’assessore Russo – sull’esigenza di compiere ogni sforzo possibile, individuando pure alcuni utili percorsi, per evitare che imposte e tasse gravino oltremodo su quanti sono già alle prese con notevoli difficoltà nel farvi fronte. L’obiettivo – conclude Russo – è attuare una piena equità fiscale e sociale”.