Il Natale delle ceramiche calatine fino al 29 gennaio

Ha riscosso apprezzamenti “Il Natale nelle botteghe ceramistiche caltagironesi”, a cura di Domenico Amoroso, che costituisce l’undicesima edizione di “Natale in vetrina”, allestita in due location (Sala degli specchi della Corte Capitaniale e Palazzo ceramico) e visitabile sino al 29 gennaio secondo i seguenti orari: alla Corte Capitaniale tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19; a Palazzo ceramico tutti i giorni, escluso il mercoledì, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

“Natale in vetrina” presenta ai visitatori Natività, figurine di pastori, abeti, centri tavola e tutto quanto può contribuire ad abbellire e allietare le case e le mense, nel periodo più atteso e più intenso dell’anno.

Partecipano i ceramisti: Tiziana Alberghina, Fabrizio Brillantino, Irene Cabibbo, Mirko Cammarata, Nicola Discolo, Emanuele Di Stefano (Emadi), Giacomo Dolce, Sonia Forte, Raffaele Giusino, Santa Grimaldi, Besnik Harizi, Davide Interlandi, Alessandro Iudici, Valeria La Spina, Emanuele Margarone, Siana Militello, Nicolò Morales, Antonino Navanzino, Fabiana Navanzino, Marilena Navanzino, Alessandro Nicastro, Beatrice Nicoletti, Daniele Patrì, Marcello Patrì, Sara Poverello, Silvestro Saporito, Francesco Scarlatella, Ignazio Scarlatella, Salvo Scarlatella, Salvo Sfragano, Vincenzo Velardita. Partecipano, inoltre, Rosa Cataldo e l’associazione Ottavia Penna.

"L'unità nella diversità", ceramiche per l'Italia unita

Si tiene sino al 4 settembre, nel Museo delle ville storiche caltagironesi e siciliane di Villa Patti, la mostra “L’unità nella diversità”, che è visitabile tutti i giorni, tranne il martedì (riposo settimanale), dalle 9 alle 13,30 e dalle 15,30 alle 18,30. Una piccola variazione riguarda la domenica: 9,30-12,30 e 16-19. Ancora da definire la durata. La mostra sta riscuotendo gli apprezzamenti dei visitatori.

Dopo il successo nell’ambito delle manifestazioni di Torino per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, e quindi a Milano, la mostra di 21 “teste portavaso”, su progetto di Ugo La Pietra, dedicata alle 20 regioni d’Italia, si è quindi sdoppiata, giungendo a Caltagirone, dove ha, come suggestiva sede, il Museo delle ville storiche caltagironesi e siciliane di Villa Patti.

Venti teste, realizzate da alcuni dei più abili maestri artigiani ceramisti di Caltagirone – Giuseppe Branciforti, Alessandro Iudici, Nicolò Morales, Francesco Navanzino, Riccardo Varsallona – in maniera fantasiosa ed ironica rappresentano le tipicità ed il carattere delle regioni italiane, mentre la ventunesima, opera dell’Istituto statale d’arte per la ceramica “Luigi Sturzo”, incarna e simboleggia l’Italia unita.

La partecipazione alle manifestazioni del 150° dell’Unità d’Italia con questo progetto è promossa dal Comune di Caltagirone con la collaborazione dell’Istituto statale d’arte per la ceramica “Luigi Sturzo”.