Fino al 17 ottobre le nuove regole per i Caffé concerto e la movida catanese

Fino al 17 ottobre è in vigore l’ordinanza del Sindaco di Catania Raffaele Stancanelli che regolamenta nell’intera area cittadina e soprattutto nel Centro Storico le attività dei cosiddetti “Caffè Concerto”, provvedimento frutto di una lunga fase di confronto tra l’Amministrazione Comunale, le associazioni dei commercianti e il comitato dei residenti.

Tra le novità quelle della delimitazione a terra dei limiti in cui gli esercenti possono sistemare tavoli e sedie, una regolamentazione dei suoni acustici musicale che potranno essere solo strumentali e non amplificati e comunque fino alle 00,30, una maggiore rigidità per gli orari dello svolgimento delle attività che non potranno mai superare le ore 02,00, la presenza nei varchi d’accesso alla zona della Movida dei volontari della protezione civile a supporto delle pattuglie della polizia municipale per evitare che venga infranta l’isola pedonale e, infine, la raccolta con il sistema del porta a porta dei rifiuti lasciati in orari stabiliti dagli esercenti.

“Abbiamo stretto un patto con tutte le parti interessate – ha detto Stancanelli – perche abbiamo raccolto e trovato una mediazioen tra gli interessi spesso contraposti. E’ prevalso il comune obiettivo di migliorare la viviblità della zona con l’esigenza di incentivare l’opera degli esercenti che garantiscono lavoro. Portare anche le famiglie intere nel nostro Centro Storico – ha aggiunto il sindaco – è un obiettivo che vogliamo realizzare ma credo sia interesse di tutti. Saremo inflessibili nel fare rispettare le regole perchè da questo dipende gran parte della riuscita di questo straordinario risultato che mette tutte assieme le varie anime della Città”.

Il sindaco Stancanelli nel sottolineare il ruolo svolto dall’assessore al Centro Storico e alla polizia Municipale Massimo Pesce e da quello alle attività produttive Bonaccorsi, ha evidenziato anche il significativo contributo dato dagli assessori Marletta e Torrisi, con delega rispettivamente alla protezione civile e all”ambiente: “Verificheremo noi personalmente – ha detto il primo cittadino – che i contenuti di questa intesa fondamentale per il nostro centro cittadino, venga attuata in ogni sua parte senza badare, qualora ce ne fossero, a condizioni di privilegio di questo o di quell’altro”

Sia gli esercenti che i residenti, presenti all’illustrazione dei contenuti dell’ordinanza, hanno espresso soddisfazione per il lavoro “svolto nel segno del dialogo e della crescita della Città”.