Denunciati gravi disagi nell'ufficio postale di via dottor Consoli

Il circolo “Centro storico” del Partito Democratico etneo interviene con una nota per segnalare i disagi vissuti dai cittadini utenti degli uffici postali del centro cittadino, costretti a subire lunghissime attese e disagi. “Riceviamo giornalmente – si legge nella nota del segretario del circolo Davide Ruffino – lamentele e proteste da parte degli utenti di Poste Italiane che riguardano soprattutto le code infinite causate dal gran numero di sportelli che rimangono quotidianamente chiusi, o per mancanza di personale oppure perché utilizzati per lavori interni”.

“Pur apprezzando la buona volontà degli addetti, i cittadini non comprendono il motivo di tanta disorganizzazione” prosegue il segretario del circolo cittadino del partito, che segnala in particolare un caso emblematico e particolarmente grave, viste le numerosissime segnalazioni degli utenti.

“Nell’ufficio postale di via dottor Consoli non esiste nemmeno la macchinetta elimina-code che, stando a quanto ci raccontano gli utenti, viene richiesta a gran voce da anni – spiega Ruffino – Ciò comporta uno spettacolo indegno che si verifica ogni giorno, con infinite discussioni per capire chi è il primo e chi viene dopo, fogli di carta di fortuna dove si è costretti a scrivere il proprio nome e cognome, in spregio ad ogni normativa sulla privacy. Un modo d’agire che crea moltissima confusione oltre che frequenti liti tra gli utenti”.

“Per questo lanciamo un appello a Poste Italiane – conclude il segretario del circolo Pd – perché si acquisti subito una macchinetta elimina-code per l’ufficio di via dottor Consoli ma, in generale, perché si faccia il possibile per garantire agli utenti, soprattutto nei giorni e negli orari di maggior afflusso, un servizio più efficiente in tutti gli uffici postali”.