Benedizione papale per la città di Scicli

La Segreteria di Stato Vaticana ha inviato una lettera al sindaco di Scicli Giovanni Venticinque per ringraziare il primo cittadino del dono fatto a Sua Santità Benedetto Decimo Sesto.

In occasione della beatificazione di Giovanni Paolo II il coro sciclitano “Fiamma Viva d’Amore” ha infatti avuto il privilegio di cantare in Vaticano e ha portato con se il Leone di Bronzo scolpito dal maestro Carmelo Candiano e portato in omaggio al Papa.

Il Leone viene consegnato dal sindaco di Scicli alle personalità che si sono distinte per un particolare rapporto con la città.

Già nel 2003 il Leone era stato consegnato a Papa Wojtyła, in segno di devozione. Un mese fa la consegna del Leone, per volontà del sindaco, al successore di Giovanni Paolo II al soglio pontificio.

La Segreteria di Stato Vaticana ha scritto al sindaco Giovanni Venticinque: “Sua Santità ringrazia per l’atto di deferente omaggio, avvalorato dalla preghiera, e per i sentimenti che l’hanno suggerito, e mentre invoca la materna intercessione della Vergine Maria, di cuore imparte a Lei e a quanti si sono uniti nel premuroso gesto l’implorata Benedizione Apostolica, pegno di ogni desiderato bene”.

Stamani Santo Piccione e Lina Pluchino (nella foto col sindaco Venticinque), del coro Fiamma Viva d’Amore, hanno consegnato brevi manu la lettera al sindaco insieme alla moneta commemorativa della beatificazione di Giovanni Paolo II.

La preziosa moneta sarà custodita da oggi in poi nella stanza del primo cittadino di Scicli.