Un ponte tra Caltagirone e Arnsberg

Rinsaldare il “ponte” con la Germania, in particolare con quelle comunità in cui vivono tanti emigrati siciliani, calatini in particolare, che anche a migliaia di chilometri di distanza conservano un grande amore per la propria cittadina d’origine. Questo l’obiettivo dell’iniziativa promossa dall’associazione Calanchi e dal Comune di Caltagirone che, dopo la presenza a Caltagirone (lo scorso maggio) di una qualificata delegazione di Arnsberg (formata da amministratori e rappresentanti del mondo produttivo), restituiranno la visita al Comune tedesco. L’appuntamento – clou è fissato per venerdì 1 ottobre, alle 17, quando – nella sede storica del municipio della città teutonica – il sindaco Francesco Pignataro, l’assessore al Turismo e vicesindaco Alessandra Foti e una delegazione calatina (una ventina di persone) incontreranno i massimi rappresentanti di quella comunità.
Arnsberg, città di oltre 75 mila abitanti (poco meno del doppio di Caltagirone) del Nord Reno-Westfalia, è capoluogo del distretto governativo omonimo che si fregia del titolo di “Grande città di circondario”. Ad Arnsberg vivono diverse centinaia calatini, che contribuiscono alla sua crescita sociale, culturale, politica ed economica e hanno costituito un’associazione presieduta da Fabrizio Calcagno.
“Si tratta di uno scambio culturale che contribuisce a rafforzare i legami fra Caltagirone e Arnsberg – sottolinea Pignataro – nel segno dell’accoglienza e dell’integrazione, ma anche di una maggiore conoscenza delle peculiarità dei luoghi, con possibili riverberi sia da un punto di vista economico che turistico”.
“Con questa iniziativa – afferma Aldo Lo Bianco, presidente dell’associazione Calanchi – concorriamo a far apprezzare ulteriormente Caltagirone, per valorizzarne ancora di più le potenzialità anche turistiche. I primi riscontri sono positivi, come dimostra l’interesse manifestato da turisti tedeschi a visitare la nostra cittadina, già a partire dal prossimo Natale”.