Catania, venti di crisi

Pall. Catania nell’incertezza… Distefano a Real Basket: «Ferragosto termine ultimo, senza sponsor si va avanti con i giovani o si chiude»… Catania, 3 ridimensionamenti in 10 anni…

GROSSO RISCHIO. Marco Distefano ha parlato del grosso rischio che sta correndo la Pallacanestro Catania: senza sponsor, o si chiude o si gioca solo con i giovani [Basket Catanese].

La Pallacanestro Catania continua a sperare di trovare qualcuno che sostenga il suo progetto. È passato più di un mese dall’iscrizione in Serie B Dil. e non ci sono buone notizie. Ancora il budget non è stato quantificato, le forze imprenditoriali che sostengono la società al momento non sono abbastanza e c’è il rischio concreto di dover dire addio alla quarta serie.

Proprio oggi Marco Distefano ha rilasciato a “Real Basket” una breve intervista, in cui ha tracciato il quadro attuale: mancanza di certezze e la scadenza ultima di Ferragosto per capire come proseguire. Se permanesse la situazione di stallo e quindi i fondi fossero insufficienti per costruire una squadra dignitosa, Distefano ha dichiarato che la società deciderà se «rinunciare al campionato o giocare soltanto con i nostri giovani». Il risultato sarebbe comunque lo stesso: perdere l’attività di vertice.

A questo punto rimane solo la speranza che in questa settimana qualcosa si sblocchi, anche se realisticamente solo uno zio d’America potrebbe cambiare le sorti. Comunque vada a finire, certo è che per la terza volta in un decennio un progetto etneo in quarta serie subisce un duro colpo. È successo al Cus nel 2001, quando è retrocesso in C1 e poi si è trascinato fino al fallimento, e alla Virtus nel 2005 e poi nel 2007: prima ha ridimensionato l’organico e si è salvata per due anni consecutivi grazie a qualche senatore e a una generazione di buoni giocatori locali, poi ha ceduto il titolo a Bisceglie.

Roberto Quartarone

Vedi anche:
Catania e Acireale verificano il budget