Sicilverde, l'obiettivo è la B

Una famiglia sportiva che fa di necessità virtù… La conferenza stampa… L’attività giovanile e l’importanza degli impianti… I playoff contro Battipaglia…

In un tempo come il nostro, in cui tagli e ristrettezze economiche sembrano esser un grande ostacolo ad ogni buon proposito sportivo, ed in cui inevitabilmente la strada e la stagione sembrano già compromesse per quelle società di sport “secondari” come sembra essere la pallacanestro, par ci sia ancora una “famiglia sportiva” che riesce a far di “necessità virtù” riuscendo persino a sorridere, ed a cogliere un risultato assolutamente inaspettato come la possibilità di far il salto di categoria.

Stiamo parlando della Sicilverde Basket Acireale del Presidente Paolo Panebianco e di coach Giuseppe Foti.

SODDISFAZIONE. È soddisfatto l’allenatore Peppe Foti, a destra, così come il sindaco Nino Garozzo, a sinistra [Basket Catanese].

In un atmosfera di cordialità e sentita soddisfazione il presidente ha scelto di chiamare a sè, nella sala stampa del PalaVolcan, giornalisti ed autorità per dar vita a quella che il sindaco acese Avv. Nino Garozzo, ha definito esser “una conferenza stampa celebrativa per il raggiungimento del traguardo storico dei Play Off da parte della società granata presente al gran completo.

Poche parole di presentazione da parte del presidente Panebianco, “primo tifoso” della Pba Basket Acirele per lasciare subito la parola a quello che ha definito “uno dei protagonisti” di questa magica stagione, coach Giuseppe Foti.

E pensare che l’obiettivo stagionale era la salvezza ha subito chiarito l’allenatore.

A queste battute iniziali è seguita una po’ “la storia” e i dettagli salienti di questa stagione fatta di 11 vittorie nel girone d’andate e solo 4 sconfitte; ricordando l’importante infortunio che colpisce Pietro Marzo da dicembre e quello occorso ultimamente a Claudio Casiraghi, certamente fondamentale in squadra; ripensando alla vittoria contro la Virtus Battipaglia che ha aperto un serie positiva di otto vittorie filate, arrestatasi purtroppo con la sconfitta contro Basket Club Ragusa, ma che ha segnato la svolta e soprattutto il cambio di mentalità della sua giovane ma intraprendente squadra, ormai stuzzicata dall’idea di prefiggersi obiettivi più ambiziosi.

LA SQUADRA. I giocatori della prima squadra presenti alla conferenza stampa [Basket Catanese].

Non potevano mancare certamente le parole del presidente Panebianco che da anni cerca di garantire alla sua società una pallacanestro di livello e che non ha lesinato definire “spettacolare” quella a cui ha assistito insieme ai tifosi quest’anno nel bel palazzetto acese.

Una desiderio che deve avere certamente una prospettiva futura, per questo con chiarezza Panebianco ha continuato illustrando come proprio l’attività cestistica sia viva e attiva nella zona “delle Aci” , citando il contributo dato da Gigi Sgroi.

Tanti gruppi da ospitare e formare in altrettante strutture ed è proprio quella dei “luoghi” la tematica che ha poi fatto confluire le idee di Panebianco e del sindaco Garozzo in una comune direzione.

Il sindaco, ha mostrato infatti consapevolezza di quanto sia stata importante per la pallacanestro locale la possibilità di sfruttare finalmente la struttura del palazzetto “Arturo Volcan”, ottenuta dopo lavori ventennali e ha rilanciato l’idea del PalaConsoli, altro progetto incompiuto ma certo in prospettiva invidiabile qualora fosse realizzato.

ALLENAMENTO. Peppe Foti dirige l’allenamento del Basket Acireale [Basket Catanese].

Un augurio è giunto infine dall’assessore allo sport Dott. Patanè, di poche parole ma forse le più utili, concluse con un sincero in bocca al lupo alla squadra che si è successivamente presentata, giocatore, dopo giocatore, certamente divertita.

L’incontro si è concluso con le parole del Dott. Michelangelo Sangiorgio, presidente catanese del Comitato Fip della provincia, giunto sino ad Acireale per testimoniare entusiasmo per l’obiettivo raggiunto della società di Panebianco, che certamente non onora solo il comune granata, ma tutto il basket della provincia.

Per tifare questa Sicilverde non serve infatti risiedere in quella che i suoi abitanti chiamano affettuosamente Aci, ma essere semplicemente appassionati di pallacanestro e saper apprezzare l’imprevedibilità di questo sport.

Appuntamento dunque domenica al PalaVolcan per la “prima” di questa post season proprio contro quell’emblematica Virtus Battipaglia che pare aver dato il la all’idea di pretendere qualcosa di più da questa stagione e per iniziare magari una nuova serie positiva che questa volta termini con la concretizzazione di un nuovo obiettivo chiamato B Dilettanti.

Chiara Borzì