Il terrore dei Khmer rossi raccontato ai siciliani da un sopravvissuto cambogiano

Una serata speciale per tendere gli orecchi alle crudeltà della storia, crudeltà spesse volte nascoste e sepolte da menzogne. E’ questo l’appuntamento proposto sabato 24 aprile, ore 20.30, a Enna ne La Casa di Giufà, nell’ambito della rassegna culturale del Comune di Enna, Narrazioni d’Amore con “Cercate l’Angkar. Il terrore dei Khmer rossi” raccontato da un sopravvissuto cambogiano dello scrittore Diego Siragusa e del cambogiano, oggi medico a Biella,  Bovannrith Tho Nguon.

Un incontro testimonianza  con gli autori nel corso del quale saranno proiettati frammenti del film Oro Splendente. Ritorno in Cambogia di Giovanni Donfrancesco. Il libro Cercate l’Angkar, Edizioni Il Grandevetro, Jaka Book, 2005 è il risultato dell’incontro tra il medico cambogiano Bovannrith Tho Nguon, nato a Phnom Penh nel 1962, e Diego Siracusa, autore di tre volumi di poesie e diversi libri di storia biellese, entrambi residenti a Biella. È un libro nato per portare una testimonianza, per fare conoscere il genocidio perpetrato in Cambogia ad opera dei khmer rossi, come è stato vissuto da un ragazzo di tredici anni e dalla sua famiglia.

Il testo nel dicembre 2007 ha ricevuto il primo premio “Tiziano Terzani” all’interno della manifestazione “Firenze per le culture di pace”. Le verità di Bovannrith Tho Nguon si chiamano Khmer rossi e Cambogia, dentro ognuna di queste c’è una linea rossa di violenze e abbandoni che persino la sua mente per un lungo periodo si è rifiutata di ricordare. Non dimenticare e testimoniare è invece lo scopo di questa serata, condotta dallo scrittore Diego Siragusa che con Tho, sopravvissuto ai campi di sterminio dei khmer rossi e oggi medico a Biella, è riuscito a ricostruire il terribile genocidio perpetrato in Cambogia begli anni Settanta.. Un viaggio lungo i sentieri tortuosi della storia, attraverso la viva voce di un testimone, le parole scritte nel suo libro e le immagini del film che da questo è stato tratto.

Al termine la degustazione enogastronomica a cura dell’Istituto Alberghiero con anelletti con crema di peperoni, torte salate, frittate con patate e cipolle, aranci netti, bignè con crema al limone, biscottini al sesamo, meine il tutto accompagnato da un Bianco D’Alcamo proposto dall’Onav, che cura la degustazione enologica. Ingresso gratuito.

Bovannrith Tho Nguon è laureato in Medicina e chirurgia all’università di Pisa. Quando nel 1975 i Khmer rossi imposero a tutti con la forza di cercare l’angkar (il partito), Tho era ancora un adolescente. Con gli occhi di un ragazzo ha registrato e oggi racconta le violenze subite da lui e dalla sua famiglia, costretti ad abbandonare la propria casa per andare a lavorare nelle piantagioni di riso e di juta. Tho assistette ad avvenimenti atroci fino alla fuga in Thailandia e all’arrivo in Italia dove attualmente vive. Grazie al suo coraggio e alla volontà di fornire un documento utile in special modo alle generazioni future, è riuscito insieme a Siragusa ad esternare fatti in parte sepolti nella propria memoria.