Rainbow, finisce la striscia positiva

Le catanesi si fermano a Maddaloni… Squadra mai presente e integrata nel gioco… Confusione e tanti errori al tiro… Il rientro fino al 48-46… Il crollo finale…

Maddaloni-Rainbow 60-48
Palazzetto di Maddaloni, 7 marzo, 18:00

Centro Diana Maddaloni De Mauro 4, Biccardi 15, Campolattano 14, Cerreto, Politi 8, Zampella 11, Mosca, Popolo, Mandato, Giannilevigna 8. All.: Santonastaso.
Rainbow Catania: Ferlito 10, Messina 6, Santabarbara 15, D’Angelo 5, Gambino 5, La Manna, Licciardello, Parisi 7.
All. Laneri.
Arbitri: Sposato di Cosenza – Marsico di Avellino.
Parziali:
15-8, 31-18, 42-35.

Dopo una striscia di risultati positivi, la Rainbow inciampa sul bel parquet di Maddaloni, in una partita che forse non l’ha vista mai presente e ben integrata nel gioco. Al fischio d’ inizio della coppia arbitrale calabro-campana, coach Laneri schiera Ferlito, Messina, Santabarbara, D’Angelo e Parisi, opposte a Zampella, Campolattano, Giannilevigna, De Mauro e Biccardi. La Rainbow parte già con lentezza, e Maddaloni di contro sembra subito avere un atteggiamento determinato e deciso, entrando sin di primi istanti nel match.

Le padroni di casa vanno avanti con Campolattano, difficile da contenere sotto le plance e in attacco. Cerca di rispondere Ferlito per ben due volte dalla linea da tre, ma sbaglia. E saranno proprio gli innumerevoli errori nelle realizzazioni e nei movimenti in fase offensiva, a compromettere per gran parte quello che sarà poi l’esito finale della partita. In retroguardia si recuperano svariati palloni, ma altrettanto numerose sono poi le palle perse e non si conclude. Santabarbara vìola la prima retina per la Rainbow, seguita da Messina che pareggia i conti sul 44. Maddaloni fallosa manda Ferlito ai liberi. Il punteggio si mantiene basso e le catanesi inseguono con fatica le campane. Squadra disunita e confusa, difesa disordinata, pochi i rimbalzi. Lieve reazione a meno due minuti dalla fine del primo quarto con Santabarbara dalla distanza, anche oggi top scorer incontrastata per le siciliane con 15 punti nel suo bottino personale.

Secondo quarto e la storia non cambia. La Rainbow subisce il gioco ordinato del Maddaloni, che non sembra la stessa squadra del girone d’andata. Non lascia spazi, e il punteggio è momentaneamente fisso sul 2012 al tredicesimo minuto. E’ ancora Santabarbara a cercare di trainare le sue compagne, accennando un cambio di ritmo. Coach Laneri inizia ad effettuare qualche cambio con D’Angelo al posto di Messina. Gambino subisce fallo, va a tirare dalla lunetta e realizza. Catania accorcia e si porta sul 2014, dopo un break di 4. Ma non basta. Si forza troppo al tiro e nelle conclusioni personali, nel tentativo di uscire la testa dalla sabbia. Ancora Ferlito mette a segno un centro, subisce fallo, canestro buono e liberi: 2217. Però la confusione non passa e anche dalla regia non si hanno i giusti input. Si subisce in contropiede e Biccardi sigla dalla linea dei tre punti il punteggio, prima della lunga pausa, sul 31-18.

Terzo tempino e Parisi si presenta da sotto per la Rainbow, fallosa al rientro in campo. Zampella firma il primo canestro della ripresa per il Maddaloni, che non accenna a mollare e si porta ancora avanti con Biccardi per quattro volte dalla lunetta senza fallire. Le rossoazzurre ci provano ancora con Messina e con Ferlito poi, che cercano di aumentare i toni e di entrare finalmente nel match. Sul 36-28 le ragazze di Santonastaso cedono un po’. Gambino velocizza leggermente il gioco in contropiede, coadiuvata da D’Angelo che segna dalla distanza con una entusiasmante bomba, poi ancora Gambino e punteggio sul 38-35.

Ultimo quarto e la Rainbow si avvicina ancora, pur stentando nel dare lo scossone decisivo. La Manna si trova nelle mani la possibilità di conquistare due punti importanti, ma sbaglia. Ancora tanti errori, ancora nei momenti decisivi. Prima Santabarbara, poi Parisi, danno un’altra spinta in avanti da tre, e a pochi minuti dalla fine, la giovane play porta il punteggio sul 48-46. Ma Maddaloni non ci sta, stacca per l’ultima volta la Rainbow e si aggiudica l’incontro davanti al suo pubblico. Prossimo appuntamento per le etnee sabato 13 marzo alle ore 17.00 tra le mura amiche del Palagalermo.

Addetto stampa
Maria Luisa Lanzerotti