La cultura siciliana per 7 giorni in Germania

La «Settimana della Cultura Siciliana» a Colonia e Berlino dal 25 al 30 marzo 2010

Nell’ambito della “Settimana della Cultura Siciliana nel mondo” in Germania organizzata dalla Regione Siciliana, l’associazione socio-culturale dei siciliani nel mondo «Sicilia Mondo» e l’Istituto di Storia dello Spettacolo nelle città di Colonia, oggi, 26 marzo 2010, alle ore 17, presso l’Istituto Italiano di Cultura di Colonia, e il 29 marzo a Berlino, alle 18, presso la sede dell’associazione «Amici del Ciao Sicilia», sono in programma una serie di conferenze-dibattito sul carteggio “Luigi e Stefano Pirandello. Nel tempo della lontananza (1916-1936)”.

A introdurre gli incontri l’avv. Domenico Azzia, presidente di «Sicilia Mondo» che interverrà su “I siciliani in Germania”, seguirà la conferenza della studiosa Sarah Zappulla Muscarà, ordinaria di Letteratura Italiana all’Università di Catania, curatrice dello straordinario carteggio fra Luigi Pirandello e il figlio primogenito Stefano, insostituibile suo collaboratore, segretario, amministratore, vocato anch’egli alla scrittura e destinato a divenire un drammaturgo di rilievo, se pur schivo ed appartato. Impreziosisce l’evento la mostra fotografica “I Pirandello”, curata e presentata da Enzo Zappulla, presidente dall’Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano, che documenta, per il tramite di un’inedita, emozionante galleria di immagini, la storia intima e privata di Luigi e della sua complessa e tormentata famiglia tra i cui componenti spiccano: la moglie Antonietta Portolano, i cui disturbi nervosi la condurranno in manicomio, il primogenito Stefano, raffinato e originale drammaturgo che il carteggio con il padre contribuisce finalmente a far conoscere, Fausto, destinato a divenire uno dei maggiori pittori della scuola romana, Lietta, che sposerà un diplomatico cileno, i nipoti, la prediletta attrice Marta Abba. E ancora gli amici, gli scrittori, i critici più illustri del tempo: Corrado Alvaro, Pier Maria Rosso di San Secondo, Massimo Bontempelli, Silvio d’Amico, Renato Simoni, Corrado Pavolini, Mario Labroca, Goffredo Petrassi, solo per citarne alcuni. Carteggio e mostra costituiscono così un notevole tributo alla storia e alla cultura del Novecento.

Alla manifestazione è stata invitata l’intera comunità italiana e le Istituzioni tedesche e italiane. L’iniziativa si inquadra nella politica di promozione e conoscenza della cultura siciliana pervicacemente promossa come aggregante presso le comunità siciliane all’estero.

Andrea Tricomi