È il rilancio della Serie D?

Un campionato disomogeneo… 8 catanesi, 4 nel girone A2, 4 nel B2… Mens Sana e Futura, le vedette… Paternò, Azzurra, EuroVirtus (A2)… Zafferana, Olimpia e Riposto (B2).

testata

Anche quest’anno, il parto della Serie D è stato difficile. La gestazione è stata lunga, la FIP pensava di varare un torneo a 32 squadre, con Poule Promozione e Retrocessione. La seconda serie regionale andava rilanciata, soprattutto alla luce delle tante rinunce e di un livello tecnico che non sempre è stato eccelso. Poi, tra ripescaggi alle serie superiori (non tanti, Orlandina in C1 e Orizzonte in C2) e rinunce (quelle sì, tante, tra cui le catanesi PGS Sales e Pallacanestro Acireale), si è finiti per dare vita ad un campionato disomogeneo.

I quattro sottogironi comprendono 28 squadre, tante quante la Serie C2, ma sono dispari le partecipanti al Girone A (7 formazioni nell’A1 e 7 nell’A2), pari quelle del Girone B (6 nel B1 e 8 nel B2). Saranno diversi anche i quattro gironi delle Poule, ovviamente: 4+4 nella Poule Promozione A, 3+4 nella Poule Promozione B; 3+3 nella Poule Retrocessione A, 3+4 nella Poule Retrocessione B. In totale, saranno quattro le promosse in Serie C2, due le retrocesse in Promozione. Ogni squadra dovrà contare su almeno due under-21 a referto.

I Sottogironi A2 e B2, in cui sono impegnate le otto società catanesi, partiranno questo fine settimana. Nel Sottogirone A2 sono iscritte Virtus Augusta, Azzurra Belpasso, EuroVirtus Battiati, Futura Club Catania, Libertas Agrigento, Basket Club Paternò e Basket Regalbuto. La Futura Club Catania allenata da Gigi Angirello e Angelino Cassisi è la squadra che si candida al salto di categoria: giocatori esperti (Angirello, Scuderi, Mangano), con un buon passato in C2 (C. Gullotti, Sciuto, Cavalli) e giovani emergenti (G. Gullotti, Cavallari, Riccobene) formano un complesso interessante. Azzurra Belpasso (allenata da Gerardo Liguori) e Basket Club Paternò (di Giovanni Rao) hanno un’intelaiatura già collaudata nell’ultima stagione in Serie D, in cui sono state le migliori catanesi, e potranno ripetersi. L’EuroVirtus Battiati punterà al mantenimento della categoria; Massimo Finocchiaro conta su una formazione molto simile a quella che ha vinto la Promozione. Non dimentichiamoci dell’ennese Regalbuto, in cui ancora resiste la colonia dei catanesi di coach Lo Faro.

Il Sottogirone B2, il più affollato, conta su F.P. Sport Messina, Mens Sana Mascalucia, Basket Peloro, Salusport Priolo, Olimpia Battiati, Roma Nord Riposto, Minotauro Taormina, Basket Club Zafferana. Tra le quattro catanesi, sarà la Mens Sana di Gabriele Giorgianni a tentare il pronto ritorno in C2. Si affida all’ala grande Manuel Scerra (25 partite e 11 punti di media con il CUS) e al blocco dello scorso anno (senza Luca Santangelo e Pasquali). Dovrà però giocare le prime due gare a porte chiuse e fare a meno del coach, di Davide Santangelo e di Valenti squalificati per tre giornate. Il Basket Club Zafferana ha ringiovanito il roster, ha preso Mirko Fraticelli (16 gare e 4,5 punti con il San Luigi in C2 lo scorso anno), avrà ancora in Santo Spina il terminale offensivo e potrebbe essere l’outsider. L’Olimpia Battiati riproporrà una rosa molto giovane mettendo in mostra i prodotti di un settore giovanile sempre molto attivo. Il Roma Nord Riposto invece prepara un complesso rinnovato, che dovrebbe puntare ad un campionato più tranquillo dell’ultimo.

Sabato 7, lo Zafferana sarà impegnato contro Priolo (18:30), l’Azzurra esordirà in casa contro la Futura (19:00), mentre l’EuroVirtus sarà di scena ad Augusta domenica (18:00), contemporaneamente a Mens Sana-Peloro e mezz’ora prima di Roma Nord-Minotauro e FP Sport-Olimpia. Riposa il Paternò.

Roberto Quartarone

Vedi anche:
Serie D, i calendari provvisori
La Mens Sana vuole consolidarsi
Catanesi in Serie D: un’annata difficile