C Dil.: Unifarmed-Acireale 85-89

Adrano: la barca non affonda, la squadra non molla… Manca la testa… 1’16” dalla fine: Acireale passa in vantaggio… Nei supplementari la fortuna è con gli acesi…

Unifarmed-Acireale 85-89 d.t.s.
PalaTenda di Adrano, 22 novembre, 18:00

Unifarmed Adrano: Sortino 8, Sanfilippo,Verzì,Russo,Saccà A. 17,De Masi, Bonaiuto 11,Saccà R. 31,Belli 9, Grasso 9.All.re:Bordieri. Tiri liberi :18 su 28.Tiri da tre punti:Belli 2,Saccà R. 1,Grasso 1.
Basket Acireale:
Marzo P. 6,Vitale 2,Russo 10,Giuffrida,Volcan,Di Dio 26, Vazzana 5,Paolantonio 25, Casiraghi 14,Marzo A. .All.re:Foti. Tiri da tre:Casiraghi 2,Vazzana 1. Tiri da due:36 su 61.Tiri da tre: 3 su 13.Tiri liberi:8 su 13. Falli subiti:18,Rimbalzi difesa 24.Rimbalzi attacco: 13.Palle perse:17.Palle recuperate:17.Stoppate fatte :1.StoppateSubite :1. Assist: 7.
Arbitri:
Mucella di S.Filippo del Mela e Centorrino di Messina.
Parziali:
20 a 17.    21 a 13.    15 a 21.     19 a 24.    10 a 14.

ADRANO UNIFARMED : aspettiamo ancora…

Se qualcuno, crede di sentire gl’orchestrali del Titanic che suonano sulla barca dell’Adrano mentre la stessa affonda, si sbaglia.

Se qualcuno, guardando la classifica,  e crede di trovare una squadra di porcellana, che si rompe ad ogni scossa, si sbaglia.

Se qualcuno, crede che l’Adrano molli non conosce l’Adrano basket.

Non sono righe scritte dopo una vittoria, sarebbe troppo facile, sono parole dopo l’ennesima sconfitta, in un derby che non doveva essere perso.

La partita aspettata, quella della svolta, la partita dai mille sapori, dalle mille emozioni, è stata persa.

Quando si vince una partita, solitamente viene esaltato il cuore dei giocatori, ma vi assicuro che il cuore non basta per vincere, ogni bianco-nero ha dato ciò che aveva in petto non solo il cuore, ma il cuore, l’orgoglio, l’agonismo e la rabbia, non fanno vincere una partita se non usi  la TESTA.

L’Unifarmed l’ha persa nei momenti importanti della partita, ed è scappata via, forse con troppa leggerezza.

Tre tempi con il naso d’avanti, l’Adrano che senza tanti problemi gestiva la partita, 20/17- 41/30- 56/51- i primi tre quarti, l’ultimo quarto l’Adrano si fa superare ad 1:16 dalla fine è sotto di cinque, bomba di Roberto Saccà, meno due, l’Acireale si impalla un attimo, palla recuperata e pareggio, ultima azione per l’Acireale, sui 22 secondi alla fine, sbaglia sotto canestro; Alessandro Saccà recupera palla ma mancano quattro secondi alla sirena, non fa in tempo ad arrivare sotto canestro, e prova il tiro del miracolo, ma per il momento i miracoli non sono di casa, e quindi la palla non entra.

Tempi supplementari, che scorrono in buona pressione, ma l’Acireale ha un pizzico di fortuna in più, e si porta a casa il risultato.

Un bel derby sicuramente, pubblico delle grandi occasioni, con il tifo dell’Adrano sempre più leadership del campionato, tifo che merita vittorie, ragazzi che ci vengono invidiati da tutti, ma anche loro con tutti i bianco-neri devono stringere i denti, devono lottare partita dopo partita, senza mollare mai.

Sicuramente è difficile, ma sarebbe troppo facile esaltare il vincente, e come gridano a squarcia gola, “LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI”.

Aspettiamo la verità dell’Adrano, con pazienza  e serenità, anche se tutto oggi è difficile.

Veritas filia temporis. –la verità è figlia del tempo-

Speriamo solo che non passi troppo di questo tempo.

-Ufficio Stampa-

Sporting Club Adrano-

Sampieri Giorgio

Al Basket Acireale,dalla partita odierna targato Sicilverde, riesce il colpo vincente al Palatenda di Adrano conquistando la prima vittoria esterna del campionato, seconda consecutiva, dopo un tempo supplementare. Gara forse non bella tecnicamente ma sicuramente emozionante dato l’epilogo all’overtime.

Si parte subito con un 4 a 0 esterno siglato da due perfetti anticipi di Marzo e Di Dio, ma i lunghi acesi latitano ed il solo Di Dio, 26 punti per lui alla fine, tiene in piedi l’attacco acese mentre dall’altra parte Belli mette a segno una tripla e tre liberi che portano Adrano sul 20 a 17 alla fine del primo quarto.

Nei secondi dieci minuti è Roberto Saccà, top scorer dell’incontro con 31 punti, a rompere l’equilibrio;Acireale mette tanta difesa ma combina poco in attacco ed Adrano sale a più 11, 41 a 30.

Al ritorno dall’intervallo lungo Russo e Paolantonio sono più presenti sotto i tabelloni, 16 rimbalzi difensivi in totale, Casiraghi comincia a scaldare la mano ed il vantaggio locale si riduce a cinque punti, 56 a 51.

Acireale apre l’ultimo quarto con due triple quasi consecutive di Casiraghi e con i canestri da sotto di Russo e Paolantonio effettua il sorpasso andando sopra anche di dieci.Ma Adrano c’è ancora, barcolla, ma resiste ed il match  è un continuo testa a testa tra i due quintetti.70 a 75 per gli atleti acesi a circa un minuto dalla fine, ma ci pensano i fratelli Saccà a portare i bianconeri in parità con un tre punti ed un canestro sottomisura.Ultimo tiro per i granata ma la conclusione  centrale di Marzo rimbalza sul ferro e risulta molto velleitario il corrispondente tiro dei padroni di casa quasi sul filo della sirena. 75 a 75 dunque e si va all’overtime.

Nel Frattempo Sicilverde Acireale ha perso Russo per raggiunto limite di falli ma la difesa acese è ancora abbastanza lucida, sporca diverse azioni offensive avversarie, non concede soluzioni facili a Grasso e compagnia recuperando importantissimi palloni; in tal frangente Di Dio e Casiraghi siglano i canestri pesanti che danno il vantaggio ad Acireale, vantaggio mantenuto fino alla fine.

La Sicilverde Acireale torna da Adrano con due punti importanti per la sua classifica confermando ancora una volta la solidità della  difesa grazie anche all’apporto di Vitale,Vazzana ed Alberto Marzo.Prossimo impegno per la Sicilverde Basket Acireale sarà Domenica 29 Novembre alle ore 18.00 al Palavolcan contro il Basket Reggio dell’ex Grassitelli.

U.S.B.A.