Prativerdi-Virauto 80-65

Sconfitta all’esordio in campionato per la Virauto Catania nel derby contro la Prativerdi Siracusa.

Prativerdi Siracusa – Virauto Catania  80-65

Prativerdi Siracusa: Agosta 11, Giuffrida 16, Corvino 21, Nesti 15, Iannuzzi, Raffaele, Lombardo 12, Corneo 5, Ventura, Tredici. All.Marletta.

Virauto Catania: Di Masi, Novatti 7,Degregori 10, Consoli 5, Gambolati 5,Livera, Reale 14, Santonocito, Rolando 5, Trevisan 19. All. Borzì.

Arbitri: Bottari e Molonia.

Parziali: 28-15, 41-35, 56-46.

Comincia con una sconfitta la “regular season” per la Virauto Catania. Il quintetto di coach Pippo Borzì è costretto ad arrendersi alla Prativerdi Siracusa in un derby combattuto. Gli etnei non hanno giocato come sanno, hanno sbagliato l’approccio alla gara sciupando tanto, tantissimo, in fase offensiva.Gli aretusei hanno giocato con tanta determinazione, riuscendo a mettere alle corde un avversario quotato come la formazione catanese. Virauto, dicevamo,poco efficace sotto le plance, per nulla cinica dalla lunetta e, a tratti, poco concentrata. La sconfitta è la logica conseguenza di una prestazione non eccelsa, ma siamo soltanto alla prima giornata di campionato e i rossazzurri hanno un notevole potenziale e saranno quindi in grado di riscattarsi sin dalla prossima gara,  che giocheranno domenica in casa contro Potenza. Degregori e compagni hanno lottato, ma, sicuramente,possono e devono fare di più. L’assenza di Confente può aver pesato nell’economia del gioco espresso dai rossazzurri dai quali si attende adesso un pronto riscatto. Nel primo tempino Trevisan e compagni totalmente al di sotto del loro standard, nel secondo parziale i rossazzurri tornano in gara: troppo poco, comunque,per evitare la battuta d’arresto.Non c’è da far drammi o da scoraggiarsi. Tutti conosciamo il potenziale della Virauto: bisogna soltanto dar tempo a questa squadra che non deluderà le attese dei suoi appassionati tifosi. Andando a confrontarci con corsi e ricorsi storici,anche lo scorso anno si cominciò con una battuta d’arresto contro Pozzuoli, ma poi i rossazzurri disputarono un torneo strepitoso.

Catania, 27 settembre 2009

UFFICIO STAMPA