Buon compleanno, Ettore Messina!

L’allenatore del Real Madrid è nato a Catania ~ Oggi festeggia i 50 anni ~ L’infanzia a Catania ~ I successi tra Bologna, Nazionale, Treviso e Russia ~ L’augurio al basket catanese.

testata

messina
VINCENTE. Ettore Messina, 50 anni oggi, allenatore di successo in Italia ed Europa, è nato a Catania [Basketcase].

La carta di identità recita in maniera inequivocabile: «Messina Ettore, nato il 30.09.1959,  a Catania». Origini da rivendicare… Sì, parliamo proprio di lui, uno dei più titolati allenatori di basket attualmente in attività in Europa: è figlio della nostra terra, vi appartiene in forma ufficiale. Ricordare e sottolineare questo particolare – o magari svelarlo – è un compito che la nostra testata giornalistica si assume volentieri. Tanto più che l’occasione è davvero propizia, perché (occhio alla data) capita giusto al compimento dei 50 anni. Auguri coach!

Venezia, Bologna, Treviso; poi Mosca (da quando ha deciso di esportare all’estero il suo talento) e adesso Madrid. Quante città importanti nel suo destino! Esperienze straordinarie, successi dappertutto. E Catania? Cos’è, solo un nome stampato su un documento? «No, è molto di più! – confessa – Sono rimasto solo i primi cinque anni a Catania, ma la“catanesità” (come modo di parlare e di pensare, come tradizioni) l’ho vissuta per tanto tempo, perché i miei genitori se l’erano portata dietro…». Papà Filippo, avvocato nella pubblica amministrazione, decise un bel giorno di accettare un trasferimento a Venezia, e allora tutti via: con mamma Agata anche i tre figli (due maschi e una femmina), in testa Ettore che era addirittura il maggiore.

Certo, un po’ pochini quegli anni della prima infanzia per conservare vivi i ricordi. «Eppure qualche flash ce l’ho ancora. Abitavamo in una stradina che si chiamava Via della Fiaccola (quasi all’incrocio tra Via Vincenzo Giuffrida e Via Gabriele D’Annunzio, n.d.r.). La scuola che frequentavo era il collegio Leonardo da Vinci, dove mio nonno Attilio mi accompagnava e mi veniva a riprendere. Per il trasferimento a Venezia dovetti interrompere la prima elementare a metà strada; poi ricordo di essere tornato all’inizio dell’estate per sostenere, da esterno, gli esami per la promozione in seconda…». Il Leonardo da Vinci, ovviamente, era nella sede storica di Viale Vittorio Veneto. Quando gli diciamo che proprio in quel collegio, poi trasferitosi in una sede molto più grande nella periferia nord della città, il basket ha sempre rappresentato una sorta di istituzione, ci ride su: «Si vede che stava scritto: in una maniera o nell’altra, con questo sport dovevo fare i conti!».

messina
INSEGNANTE. Ettore Messina parla in uno dei tanti clinic in cui ha tenuto lezioni tecniche [Jarring.it].

Messina ci ha gentilmente concesso l’intervista per via telefonica. Lo abbiamo raggiunto a Reus, città della Catalogna, dove il suo Real Madrid era in procinto di affrontare un torneo precampionato con Joventut Badalona, Barcellona e Valencia. Dopo le quattro stagioni alla guida del CSKA di Mosca (4 final four di Eurolega, di cui due vinte, più 2 successi in Coppa di Russia), ha ceduto alle lusinghe che gli provenivano dalla Spagna. «Una terra che mi ha sempre affascinato – sostiene – e che già mi procura emozioni. Essere poi chiamato dal “Real Madrid Baloncesto”, società dal glorioso passato che è stato uno dei miei miti sportivi quand’ero ragazzo, ha costituito senz’altro uno stimolo in più».

La voglia di accettare le sfide e di rimettersi sempre in discussione – evidentemente – non è stata ancora placata dai tanti successi riportati finora nella sua carriera di allenatore. Ci sono 5 primi posti in competizioni europee, 4 scudetti (tra Bologna e Treviso), 7 vittorie in Coppa Italia, un argento europeo alla guida della Nazionale italiana, più una serie interminabile di altri titoli, piazzamenti e riconoscimenti personali. Proviamo a stuzzicarlo, chiedendogli se è in grado di ricordarli tutti, uno per uno. «Sì posso farlo tranquillamente – replica laconicamente – per il semplice motivo che ognuno di questi successi è stato voluto, sofferto, ed è rimasto inevitabilmente scolpito nella mia mente. Però mi ricordo benissimo anche le sconfitte: se volete comincio a enumerare quelle… ». Un bell’esempio di onestà e di modestia, non c’è che dire! Messina, del resto, ha sempre mostrato di possedere qualità umane, oltre a quelle tecniche: impegno sul lavoro, correttezza in campo, mai in escandescenza, insomma un professionista serio.

messina
RUSSIA. L’allenatore ha allenato in Russia, vincendo, tra l’altro, due Euroleghe [Ferrara Bloglandia].

La passione del basket gli era entrata dentro, travolgente, fin da ragazzino. «Avevo cominciato a  muovere i primi passi da giocatore nelle giovanili della Reyer Venezia. Vi confido che una delle persone che più mi fece innamorare di questo sport fu Amerigo Penzo, il segretario generale della società, che mi incoraggiava sempre e col quale mi piaceva intrattenermi. Mi parlava spesso del suo passato di giocatore e di allenatore, e conoscendo le mie origini raccontava anche della sua indimenticabile esperienza vissuta a Catania…».

Ettore ci provò a mettersi in luce, ma a soli 16 anni capì che la sua stoffa era più adatta a quella dell’allenatore. «Come giocatore avevo delle doti modeste. Il fatto è che nel vivaio della Reyer c’era una grossa competizione, e io ero piuttosto fragile da un punto di vista psicologico: il timore di essere tagliato fuori mi procurava una grande tensione emotiva…». I paradossi della vita: bastò cambiare ruolo sulla stessa scena, e appendere un fischietto al collo, per tramutare in un punto di forza quella sua, apparente, debolezza.

Cinque anni di giovanili a Venezia, poi Mestre e Udine, con compiti di sempre maggiore responsabilità. Terre fertili per tradizione, cestisticamente parlando. Se poi c’è uno come Ettore Messina che sa coltivare, i frutti vengono fuori buoni e in abbondanza. Catania e la Sicilia, però, se li ritrovò ancora davanti, a condizionare in qualche modo il suo cammino. «Posso dire di avere avuto, tra gli altri, due grandi maestri che hanno fortemente influito sulla mia formazione di allenatore. Uno era palermitano, Massimo Mangano: al suo fianco sono stato a Mestre e a Udine, imparando molto sul piano della organizzazione tecnica e della programmazione. Un uomo di grandi doti, che non ha avuto la fortuna che meritava, e che peraltro era atteso dal triste destino di una morte improvvisa e prematura. L’altro un catanese, Santi Puglisi, inutile che ve lo descrivi: per la nostra generazione di allenatori è stato sicuramente un preciso punto di riferimento, sia come metodica di allenamento che come approccio psicologico con i ragazzi, soprattutto nel periodo in cui si è occupato delle Nazionali giovanili».

puglisi

RIFERIMENTO. Santi Puglisi è stato un punto di riferimento per Messina [La Sicilia].

Peccato che ci sia di mezzo il telefono, e una linea non sempre sgombra. Messina dialoga volentieri, dalla sua voce non trapela il minimo accenno di distacco e di superiorità. Quando poi riveliamo che il nostro gancio per contattarlo è stato lo zio materno Nello Riccioli, medico otorinolaringoiatra (per qualche tempo anche vicino all’ambiente del basket femminile catanese), si lascia tradire anche da un pizzico di nostalgia. «Sono rimasto molto legato ai miei parenti. Un tempo Catania era per me una piacevole tappa obbligata di vacanza. Adesso saranno quasi dieci anni che manco, ma non vedo l’ora di tornarci. Rimpiango un po’ certi sapori, il calore della gente…».

Nella famiglia, nel valore delle sue radici e degli affetti, ha sempre creduto fermamente. «Fa parte dell’educazione che mi hanno impartito i miei genitori. A loro devo tanto: non mi hanno mai ostacolato nelle mie scelte e io ho cercato di ricambiare la loro fiducia. Papà voleva a tutti i costi che io mi laureassi, e il fatto di esserci riuscito è stato per me un motivo di grande orgoglio». Laurea in Economia, conseguita all’Università di Venezia; poi è arrivata anche quella, ad honorem, dell’Università di Bologna. Non sono diplomi lasciati là: il dott. Messina è stato più volte chiamato a tenere lezioni sulla gestione delle risorse umane alla stessa Università di Bologna e alla Bocconi di Milano. Come dire: se si volesse voltare la pagina di allenatore, se ne potrebbe aprire un’altra altrettanto prestigiosa.

evtimov
LAUREATO. Laureato in economia a Venezia, Messina ha ricevuto anche la laurea ad honorem a Bologna [Almanews].

Oltre al titolo accademico, Bologna gli aveva regalato anche l’attaccamento del suo pubblico cestistico, quello del versante Virtus. Messina vi era approdato a 24 anni, come responsabile del settore giovanile e assistente della prima squadra: altri nomi illustri con cui lavorare e da cui apprendere, da Alberto Bucci a Sandro Gamba, da Krešimir Ćosić a Bob Hill. Fino a quando, nella stagione 1989-’90, venne eletto primo allenatore: subito la conquista di Coppa Italia e Coppa delle Coppe, un esordio da grande protagonista che lasciava già presagire la lunga serie di successi delle “V nere” negli anni seguenti. E qui dobbiamo sintetizzare al massimo, altrimenti ci perdiamo: accenniamo solo ai 3 scudetti e alle 2 vittorie in Eurolega. Era talmente entrato nel cuore dei suoi tifosi, che addirittura insorsero nel 2002 contro il suo esonero (le cose non andavano bene quell’anno), costringendo praticamente il presidente della società a riassumerlo in tutta fretta.

Quasi vent’anni a Bologna, che divenne così la sua vera città di adozione, con l’intermezzo della esperienza alla guida della Nazionale: oro ai Giochi del Mediterraneo nel ’93, argento ai Goodwil Games di San Pietroburgo nel ’94, argento ai Campionati Europei del ’97. Un periodo felice che in molti rimpiangono, ancor più dopo le ultime deludenti prestazioni degli azzurri. Sentiamo cos’ha da dirci a tal proposito. «Intanto devo manifestare la mia profonda delusione per il momento di crisi che sta attraversando la nostra Nazionale. Quello che proprio faccio fatica ad accettare è la scarsa motivazione, diciamo pure la mancanza di determinazione e di cuore, che i giocatori hanno mostrato negli ultimi anni. Comunque, il problema non riguarda solo loro: è molto più complesso e le cause da ricercare possono essere tante. Una di queste, sicuramente, è che fin quando Federazione e Lega continueranno a litigare tra loro (per il numero degli stranieri o per altro) la Nazionale ne risentirà sempre negativamente». Da più parti era stato auspicato proprio un ritorno di Messina, al posto di Recalcati. «Non ho nulla da nascondere. Io mi ero reso disponibile, ma una volta arrivata la chiamata da Madrid il discorso si è chiuso definitivamente».

messin
CSKA. Le indicazioni del coach al CSKA Mosca [Sky Sport].

Magari arriverà prima la chiamata di un’altra federazione nazionale, e non ci sarebbe nulla da stupirsi. Ormai la sua fama ha valicato tutti i confini e lui va dove è richiesto, o meglio dove c’è programmazione, entusiasmo, voglia di impegnarsi per traguardi importanti. Sono stati questi gli argomenti che lo hanno convinto ad accettare il trasferimento in Russia, dopo i due anni vissuti a Treviso (anche qui aveva raccolto successi su tutti i fronti). «L’esperienza di Mosca mi ha dato tantissimo, sia dal punto di vista sportivo, che soprattutto da quello umano. Pur vivendo da privilegiato, l’essere costretti ad adattarsi a nuove situazioni, a superare certe difficoltà, a integrarsi in un Paese pieno di contraddizioni come la Russia, mi ha lasciato un grande insegnamento di vita. Tra l’altro ho avuto la possibilità di stare più vicino a mia moglie e al mio secondo figlio, Filippo, che adesso ha 5 anni ».

Intanto, dopo avere imparato la lingua russa, Messina ha dovuto adattarsi con lo spagnolo, e a quanto pare già dalla conferenza stampa di presentazione a Madrid ha stupito i giornalisti presenti per la conoscenza e l’ottima pronuncia. Il Real si aspetta molto da lui: lo hanno considerato il “terzo galactico”, dopo gli acquisti di Ronaldo e Kaká nella squadra di calcio. C’è fame di riconquista: l’ultimo successo in campionato, la Liga, è del 2007, ma quello in Eurolega risale addirittura al ’95. «La magra degli ultimi anni, sinceramente, mi crea più preoccupazioni che altro, e mi carica di maggiori responsabilità. Comunque, non abbiamo alibi, dobbiamo tornare a essere competitivi. Ci sono 8.000 spettatori che puntualmente si presentano al Palasport e non possiamo tradirli. Ho posto come obiettivo principale la partecipazione alla final four di Eurolega: un sueño, come si dice da queste parti, che spero tanto si realizzi».

Anche a Madrid, Messina è stato seguito dalla moglie e dal piccolo Filippo, mentre la figlia più grande, Lucia, vive a Venezia dove si è laureata. In Spagna ha anche ritrovato il suo vecchio amico-avversario Sergio Scariolo, che aveva già allenato il Real negli anni tra il ’99 e il 2002, e che attualmente guida la nazionale spagnola. «Gli faccio i miei complimenti, la Nazionale è una cosa molto sentita da queste parti e, forse a differenza dell’Italia, trascina l’entusiasmo anche per le squadre di club. Con Sergio ci sentiamo spesso e devo dire che lui mi ha aiutato ad ambientarmi». Parole pronunciate in tempi non sospetti: qualche giorno dopo sarebbe arrivato, infatti, il trionfo della Spagna nell’Europeo disputato in Polonia.

messina
LIGA. Ettore Messina con i suoi nuovi giocatori, al Real Madrid [Real Madrid].

Tre giocatori di quella Nazionale sono rientrati nelle file del Real Madrid: Garbajosa, Reyes e Llull. Per il resto, Messina ha a disposizione una sorta di multinazionale, con due americani (Hansen e Bullock), due lituani (Lavrinovič e Kaukėnas), un serbo (Veličković), un argentino (Prigioni), e ancora due belgi, un croato, un macedone, un montenegrino. Problemi di comunicazione nessuno, ci mancherebbe altro! Se mai, il non facile compito di mettere insieme una squadra forte e compatta. Una sfida, come le tante già affrontate in passato. E ci sarà subito da lottare: la Liga comincerà il 10 ottobre con una trasferta a Siviglia; mentre l’esordio in Eurolega, in calendario 11 giorni dopo, lo riporterà subito in Russia, contro la squadra di Chimki, nei pressi di Mosca.

Non ci rimane che fargli il nostro “in bocca al lupo”. Prima di lasciarlo andare, però, vogliamo che rivolga uno sguardo anche al basket catanese. Gli parliamo di una prima squadra maschile che in B dilettanti insegue con grande impegno le proprie ambizioni; del fermento che c’è dietro, sia nel settore maschile che in quello femminile, con numerose società che hanno impostato la loro politica sui giovani, e in qualche caso anche sulla collaborazione tra loro; delle numerose iniziative propagandistiche degli ultimi tempi, dai playground alle esibizioni nella “notte bianca” in Piazza Duomo… «Il basket in Piazza Duomo sotto la statua dell’Elefante? Che magnifica idea! Beh, questa voglia di riscatto del basket a Catania non può che farmi piacere. L’augurio, ovviamente, è che si possa andare più in alto il prima possibile; ma, se mi è permesso, non vorrei che questo desiderio di promozione si trasformi in una ansia, in una smania di ottenere tutto e subito. Importante è costruire basi solide, per far sì che, quando si riuscirà a conquistare qualcosa, ci sia anche la forza di mantenere una certa continuità negli anni».

Allora ci vuole un “in bocca al lupo” a vicenda. «Come no! Lo ricambio volentieri. A questo punto, visiterò ogni tanto il vostro sito e mi terrò aggiornato. La prossima estate, chissà, potrebbe essere l’occasione buona per tornare a Catania e festeggiare insieme: magari tutti alla Playa a fare il bagno…».

El sueño si è già arricchito di nuovi e interessanti particolari!

Nunzio Spina