Adrano, prima la salvezza, poi chissà…

Lo Sporting Club punta alla salvezza con quattro acquisti ~ Catanesità e giovani nella politica societaria ~ Dino De Masi nuovo capitano ~ Bordieri con tre “4” e nessun “5”.

testata

rolando vs saccà
PREPARAZIONE. Il gruppo dell’Adrano fa esercizi agli ordini della preparatrice Pellegrino [Basket Catanese].

Così come l’Acireale, anche l’Adrano si appresta ad affrontare il suo secondo campionato consecutivo di Serie C Dilettanti con un roster ridotto. La squadra, che lo scorso anno stupì tutte le partecipanti del Girone H di Serie C Dilettanti qualificandosi per i play-off contro tutti i pronostici, conterà sui confermati Giacomo Belli, Dino De Masi, Enrico Famà e Maurizio Grasso, a cui si sono aggiunti Giuseppe Bonaiuto, Alessandro Saccà, Roberto Saccà e Dario Sortino.

«Loro saranno i giocatori su cui punterò per raggiungere la salvezza – spiega Luigi Bordieri, l’allenatore riconfermato dalla dirigenza adranita –. Gli altri due posti in panchina sono riservati ai ragazzi del vivaio, che curerò anche come allenatore dell’Under-19. Damiano Russo, che lo scorso anno ha giocato in doppio tesseramento con la PGS Sales, sarà il cambio di Sortino e spero di dargli sempre più minuti di fiducia. Avrà il suo spazio anche la guardia-ala Vincenzo Bascetta. Faranno esperienza invece i ’92 Sanfilippo e Verzì.» Tutti e quattro hanno giocato nell’amichevole a Catania contro la Virauto e soprattutto Russo ha ben impressionato.

rolando vs saccà
TIRATORE. La guardia Giacomo Belli, uno dei quattro confermati dalla scorsa stagione. [Basket Catanese].

Vediamo uno per uno i nuovi componenti del roster dell’Adrano. Il regista sarà Dario Sortino, un lontano passato al Gravina e alla Virtus Catania, di recente a Canicattì in B Dilettanti dove si è ripreso da un brutto infortunio che lo ha tenuto fuori un anno. Gli fa posto Vitale, passato ad Acireale: «Sortino e Vitale sono due giocatori diversi – puntualizza Bordieri –. Gabriele ha grande spinta e inventiva, Dario ha del talento in più e una voglia di dimostrare di saper tenere questo ruolo nella gestione della squadra.» Accanto a lui agisce Dino De Masi, il più longevo in maglia bianconera: «Lui farà da trait-d’union tra il vecchio gruppo e il nuovo – prosegue l’allenatore – perché è l’unico superstite della squadra che raggiunse la promozione dalla Serie D alla C2. Proprio per questo la squadra lo ha scelto come nuovo capitano.»

Il reparto degli esterni è completato dalle guardie Giacomo Belli e Roberto Saccà. Nell’ultimo campionato, il primo si è distinto per il suo tiro da tre e più volte ha contribuito alla vittoria entrando in corsa; ha saltato l’amichevole al PalaCus per un infortunio. Il secondo viene da un’ottima stagione alla Pallacanestro Catania, dov’è partito da riserva e ha concluso praticamente da titolare risultando decisivo varie volte; ora punterà a ripetere le stesse prestazioni ad Adrano.

rolando vs saccà
SACRIFICIO. Lo spirito di sacrificio di Maurizio Grasso, ala-pivot dell’Adrano [Basket Catanese].

Il reparto più folto è quello delle ali. Se l’unico vero “3” è il positivo (soprattutto nell’ultimo girone di ritorno) Enrico Famà, che comunque spesso si adatta all’ala grande, abbiamo tre giocatori potenzialmente titolari che sono classificabili come “4”. Il primo è il confermato Maurizio Grasso, giunto al terzo anno con l’Adrano dopo una lunga carriera che ha raggiunto le vette con CUS Catania e Virtus Catania in B2. Poi c’è il siracusano Giuseppe Bonaiuto, negli ultimi tre anni visto con quattro maglie diverse (Comiso, Pescara, Lucera e Gioia Tauro), reduce da una stagione con una media di 10 di valutazione e quasi 5 rimbalzi. L’ultimo è Alessandro Saccà, vincitore dell’ultimo campionato con Siracusa ed ex Virtus Catania.

rolando vs saccà
ALLENATORE. Luigi Bordieri, votato dai lettori di Basket Catanese allenatore della stagione 2008-’09 [Basket Catanese].

Nessun pivot vero, però… «Proprio così – riprende Bordieri –, ci manca qualche centimetro sotto canestro e ci sarebbe servito un giocatore come Duscio. Purtroppo, in questa categoria i lunghi costano parecchio e la penuria di risorse non ci ha permesso di prenderne uno. Affronteremo lo stesso il campionato con quello che abbiamo, con la speranza di poter puntare ancora ai play-off dopo aver raggiunto la salvezza. E poi la politica della società è di svecchiare per dare spazio ai giovani e di puntare sulla catanesità: a parte il siracusano Bonaiuto, gli acquisti sono stati fatti anche in quest’ottica.»

L’Adrano è reduce dalle amichevoli a Siracusa e Catania; a proposito della partita contro la Prativerdi, l’allenatore si ritiene soddisfatto: «I primi due quarti sono andati bene, s’è vista tanta voglia dei ragazzi di giocare insieme e sono veramente contento di questo. Il 10 affronterà l’Amatori a Messina e il 19-20 Messina, Gela e Comiso per il Memorial Marino.

Roberto Quartarone

Vedi anche:
La Virauto piega l’Adrano
Sad – 1a settimana. Siracusa-Adrano
Il Basket Acireale si rimette in gioco