Basket, B2/f: Lazùr-Zerocento 67-35

La Lazùr Catania, nel torneo di serie B di basket femminile, vince a mani basse.

Lazùr-Zerocento 67-35
PalaArcidiacono di Catania, 31 gennaio, 18:00

Lazùr Catania: Barbarossa 6, Pappalardo, Aleo 13, D’Angelo 12, Santabarbara 11, Licciardello 3, Argentino, La Manna 5, Hristova 6, Messina 11. All.: Aleksandrova.
Zerocento Cus Palermo: Meli, Matera 2, Vannini 5, Ballarò 3, Di Martino 4, Fucarino 2, Adorno 8, Pordes 7, Sammarco, Sera 4, Costa. All.: La Pietra.
Arbitri: Massari e Costa di Ragusa.
Progressivo: 15-10, 23-16, 34-28.
Spettatori: 40 circa.

Le etnee hanno battuto, senza fatica, il Cus Palermo guidato da coach La Pietra. Sul campo amico, la squadra rossazzurra ha sfoderato una prestazione perfetta, non concedendo nulla alle “cugine”. Le locali, grintose ed aggressive in ogni zona del parquet, hanno dominato la partita. Il primo parziale si è concluso sul 15-10 per le cestiste di coach Sashka Aleksandrova. Nel secondo periodo, la Lazùr del presidente Federico Cicero si è portata sul 23-16. Il Cus Palermo del tecnico La Pietra non è mai riuscito ad impensierire le “lazurine”, che nel terzo quarto di gioco sono arrivate a condurre per 34-28. Nell’ultimo parziale il divario è aumentato sempre di più fino al 67-35 finale. In evidenza Aleo, D’Angelo e Santabarbara. Davvero un bel successo per le catanesi, che continuano il loro magico momento. In casa Catania è, inoltre, arrivata la grande soddisfazione per la vittoria del team Under 13 nella fase provinciale del “3 contro 3”.

Secondo Roberta Barbarossa, numero 5 della Lazùr, «è stata una bella partita, ma sono in silenzio stampa perché c’è sciopero del tifo!» Simongiorgio La Pietra, allenatore dello Zerocento Palermo, spiega: «Le differenze in campo tecnicamente sono notevoli e la classifica parla chiaro. Noi, finché hanno retto fiato e testa, abbiamo giocato. Poi c’è stato il crollo finale, fisiologico in queste condizioni. Le prospettive per la Poule Retrocessione sono dure, concluderemo la prima fase a 2 punti, speriamo contro le squadre dell’altro girone di prendere i punti salvezza. Gela sarà a 4 e Acireale a 6, dipende tanto dai risultati di Cassiopea e Palmi.»

Ufficio stampa
Umberto Pioletti
(interviste di Roberto Quartarone)