Gli eventi di "Le opere e i giorni"

Nel contesto di “Cultania”, dal 5 all’11 giugno 2007 saranno organizzati vari eventi che si riferiscono alla manifestazione “Le opere e i gioni – contaminazioni etniche e culturali tra passato e presente”.

La manifestazione “Le opere e i giorni”, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Catania nell’ambito del progetto “Cultania”, si incardina su alcuni temi e motivi che riguardano Catania e, in generale, la Sicilia: la classicità greca e latina; il medioevo normanno e svevo; la forte presenza della cultura araba nelle tradizioni letterarie ed etniche dell’Isola; l’interazione tra culture (quella arabo-nordafricana e quella siculo-europea) che, separate da secoli di reciproca diffidenza, si trovano oggi nella necessità di rintracciare terreni di confronto.

Il tratto d’unione -stilistico, estetico, antropologico- di temi e motivi della manifestazione è quello della “contaminazione”: e la Sicilia è stata, nel Mediterraneo, il laboratorio delle contaminazioni.

Questi elementi si ritrovano, in forma espositiva, in Sale di Città che sarà in scena nei giorni 7, 8 e 9 giugno Castello Ursino (doppio spettacolo, alle ore 18,30 e alle ore 21; ingesso libero con prenotazione: 346 9551161; 095 2160819). Nino Romeo ha progettato e composto drammaturgicamente una sorta di visita guidata alla classicità e al medioevo, affidando a Piero Longo (esperto di storia e di arte della Sicilia) il ruolo di conduttore storico-letterario. Gli spettatori saranno condotti per i saloni terrani del Castello ove assisteranno a brevi spettacolazioni a tema. La stanza grecolatina ricostruisce le atmosfere del simposio, la parte del convivio dedicata alla lettura di poesie e brani letterari, ai racconti epici e quotidiani, alle riflessioni filosofiche.

La stanza delle lettere accoglierà due riduzioni (curate da Nino Romeo che ha anche curato le traduzioni dei brani poetici e letterari, greci e latini) di brani di Ovidio: la lettera di Penelope ad Ulisse e quella di Briseide ad Achille. La stanza arabo-sicula è dedicata alla letteratura medioevale che ha interessato, direttamente o indirettamente, la Sicilia.

L’interpretazione dei brani letterari e poetici è affidata a due tra le attrici di maggior temperamento della scena siciliana e nazionale: Mariella Lo Giudice e Graziana Maniscalco, affiancate da Elena Ragaglia, Davide Sbrogiò e dallo stesso Romeo. La partitura poetica è sottolineata e amplificata dalle musiche composte da Franco Lazzaro, coadiuvato nella selezione di brani del repertorio medioevale da Giuseppe Severini, anche musicista esecutore, con Roberto Fuzio e la cantante Shirin Demma. Donatella Capraro curerà i movimenti coreografici; Umberto Naso, l’installazione scenografica e l’abbigliamento degli attori.

Il Concerto multietnico di domenica 10 giugno alle ore 21,30 (piazzale del Castello Ursino), curato da Luca Recupero, rappresenta la fase di confronto attuale tra le tradizioni arabe, mediorientali, africane e siciliane; anche in questo caso la contaminazione sarà la cifra che accomuna le perfomances musicali. All’israeliano Zohar Fresco, al palestinese Faisal Taher, al senegalese Jalì Diabatè si affiancheranno le band siciliane “Ensemble Onda Mediterranea” e “IpercusSonici”.

Alle fasi di spettacolo si affiancheranno momenti di riflessione e di intrattenimento in linea con i temi ed i motivi della rappresentazione. Martedì 5 giugno alle ore 18,30, presso l’Auditorium “G. De Carlo” del Complesso dei Benedettini, il medioevalista Marco Leonardi terrà una conferenza multimediale su L’età di Federico II con la partecipazione degli attori Elena Ragaglia e Salvatore Valentino.

Sabato 9 giugno alle ore 11,00 presso il Salone d’ingresso del Castello Ursino, lo storico dell’alimentazione Calogero Matina curerà una conferenza multimediale sulla cucina araba dal titolo Nel giardino del diavolo alla quale parteciperanno docenti e allievi dell’IPSSAR (Istituto professionale di stato per i servizi alberghieri e della ristorazione): alla conferenza seguirà una degustazione dimostrativa.

Domenica 10 giugno alle ore 18,00, presso il Salone del Castello Ursino, l’etnoantropologa Lilia Zaouali parlerà dei Riti nel Magreb: il matrimonio. Alla conferenza seguirà (ore 19,30, nel piazzale antistante al Castello) l’esemplificazione scenica del rito del matrimonio in forma di Festa araba, curato dalla coreografa Samia Zbidi, con la partecipazione di 15 danzatori.

Lunedì 11 giugno alle ore 11,00, presso l’Auditorium “G. De Carlo” del Complesso dei Benedettini, l’arabista Marco Miano terrà uno Stage di musica araba con la partecipazione del musicista Giuseppe Severini.

PROGRAMMA

martedì 5 giugno, ore 18,30 – Auditorium Complesso Benedettini “G. De Carlo” L’ETA’ DI FEDERICO II conferenza multimediale a cura di Marco Leonardi (Università di Catania) attori Elena Ragaglia e Salvatore Valentino

giovedì 7, venerdì 8 e sabato 9 giugno, ore 18,30 (primo spettacolo), ore 21,00 (secondo spettacolo) Saloni del Castello Ursino SALE DI CITTA’ visita guidata alla classicità e al medioevo progetto, drammaturgia, traduzione brani poetici e letterari greci e latini, regia Nino Romeo consulenti Abdellah El-Jourairi, Marco Leonardi, Piero Longo, Marco Miano musiche originali e direzione musicale Franco Lazzaro musiche del repertorio medievale Giuseppe Severini installazioni scenografiche e abiti Umberto Naso movimenti scenici Donatella Capraro conduttore storico e letterario Piero Longo con Mariella Lo Giudice, Graziana Maniscalco, Elena Ragaglia, Nino Romeo, Davide Sbrogiò e con Abdellah El-Jourairi, Giuseppe Billa, Francesco Granata, Vincenzo Viscuso musicisti Roberto Fuzio, Giuseppe Severini cantante Shirin Demma danzatori arabi Samia Zbidi, Mohamed Trabelsi, Daniela Ferrarello, Salvo Garufi aiuto regia Salvatore Valentino ingresso libero con prenotazione 346 9551161; 095 2160819 – durata: 1 ora e 15 minuti

sabato 9 giugno, ore 11,00 – Salone Castello Ursino CUCINA ARABA: Nel giardino del diavolo conferenza multimediale a cura di Calogero Matina (IPSSAR, Catania) chef Giuseppe Floresta attori Graziana Maniscalco e Nino Romeo seguirà degustazione

domenica 10 giugno, ore 18,00 – Salone Castello Ursino RITI NEL MAGREB: Il matrimonio conferenza a cura di Lilia Zaouali attori Elena Ragaglia e Salvatore Valentino

domenica 10 giugno, ore 19,30 – Piazzale Castello Ursino FESTA ARABA: Il matrimonio regia, scene, costumi e coreografie Samia Zbidi con Samia Zbidi, Mohamed Trabelsi e con Daniela Ferrarello, Giovanni Battaglia, Romina Caprio, Patrizia Carta, Melania Fortuna, Salvo Garufi, Giuseppe Torre, Christian Grandangolo, Daniele Iemolo, Angela Parisi, Pina Prestifilippo, Brunella Rafaraci, Carmela Scuderi

domenica 10 giugno, ore 21,30 – Piazzale Castello Ursino CONCERTO MULTIETNICO a cura di Luca Recupero con Zohar Fresco (Israele) tamburi a cornice, percussioni, voce, Faisal Taher (Palestina) voce, Jalì Diabatè (Senegal) kora, voce, Fabio Tricomi (Sicilia) oud, zarb, fiati, percussioni, e con “Ensemble Onda Mediterranea” Matilde Politi voce, chitarra, fisarmonica, tammorra, Francesco Calandrino lofi sound System, Sandro Librio violino, Pino Guarrella violoncello, Lelio Giannetto contrabbaso, Stefano Zorzanello flauto, ottavino, sassofoni, José Mobilia tamburi a cornice, percussioni, e con “IpercusSonici” Carlo Condarelli djembe, tamburi bassi, balafon, Alice Ferrara voce, percussioni, Luca Recupero basso elettrico, marranzani, tamburelli, Stefano Spoto didjeridoo, clapsitcks, berimbau

lunedì 11 giugno, ore 11,00 – Auditorium Complesso Benedettini “G. De Carlo” STAGE DI MUSICA MEDITERRANEA a cura di Marco Miano (Università di Catania) con la partecipazione del musicista Giuseppe Severini