Euro, rischio di trovare banconote false

Da un articolo dell’Ansa riusciamo a scoprire: “Occhio alle banconote da 20 euro: sono le più contraffatte, seguite da quelle da 50. Lo comunica la Bce ricordando che in tutto il 2006 sono state ritirate dalla circolazione 565.000 banconote false, più o meno lo stesso livello degli anni precedenti. Le banconote più falsificate sono sempre quelle da 20 euro che sono il 36% di quelle ritirate, seguono quelle da 50 (31%) e da 100 (24%). Questi tre tagli rappresentano il 90% di tutte le banconote falsificate”.

L’articolo continua dicendo “Molto meno falsificate le banconote di tagli più grandi e quelle da 5 euro (1%) e da 10 euro che rappresentano il 3% del totale. Quelle da 200 euro sono il 3% del totale mentre quelle da 500 euro appena il 2%. Il livello dei falsi raggiunto – spiega la Bce – va visto nel contesto di un graduale aumento del numero di banconote ‘vere’ in circolazione che sono state circa 10,6 miliardi nella seconda metà del 2006. La maggior parte dei falsi (98%) arriva dai paesi dell’area euro. La Bce ricorda comunque che le banconote vere sono facilmente riconoscibili e basta quindi controllarle bene per evitare truffe.

I cittadini di eurolandia – rassicura la banca centrale europea – devono comunque avere ”la certezza sulla qualita’ delle banconote in euro e sulla loro sicurezza”. Anche in considerazione del fatto che proprio l’istituto di Francoforte e le 13 banche centrali nazionali continuano a mantenere i cittadini allerta ed a controllare l’autenticita’ delle banconote stesse”. Tutti i tipi di contraffazione – prosegue la Bce – ”sono facilmente distinguibili dalle banconote vere usando il semplice metodo ‘feel, look, tilt’, ovvero ‘senti, guarda e inclina’.

Un metodo descritto nelle pubblicazioni dell’eurosistema e sul sito web della Bce e delle altre banche centrali nazionali. Il sistema migliore resta – spiega ancora l’Eurotower – quello di confrontare la banconota sospetta con una certamente originale. Il sistema monetario europeo collabora comunque, per la vigilanza sulla contraffazione, in modo molto stretto con l’Europol e la stessa commissione europea. Stretti sono anche i rapporti con l’Interpol e con le varie polizie nazionali degli stati membri. ”Chiunque sospetti di aver ricevuto una banconota contraffatta – conclude la Bce – contatti subito la propria polizia nazionale o la sua rispettiva banca centrale fornendo loro quanti piu’ dettagli possibili circa le origini del falso”.”
tratto da Ansa.it