Gli sport meno visti

Da Corridoio n. 5, l’intervista ad Alfio Pricoco che fotografa la situazione degli sport praticati dai non vedenti a Catania all’inizio della stagione sportiva 2005-2006. Di Roberto Quartarone.

Appena un anno fa, alle Olimpiadi d’Atene, l’Italia rimase col fiato sospeso dinanzi ad atleti quali Giusy Malato e Stefano Baldini, mentre ben pochi furono coloro che esultarono per Imma Cerasuolo e Stefano Lippi, due dei maggiori protagonisti italiani delle Paraolimpiadi. Questi giochi, anche se si svolgono sempre subito dopo le Olimpiadi, non hanno tuttavia la medesima fortuna in termini di pubblico e visibilità nei media. Anche a Catania i diversamente abili, pur avendo uno spazio tutto loro nel mondo dello sport, continuano comunque a passare quasi inosservati. In questo campo, è molto attivo il Gruppo Sportivo per non Vedenti Catania Torball.

“Abbiamo fondato questa società nel 1985 – spiega Alfio Pricoco, il simpatico presidente che lavora ai Beni Culturali- e da vent’anni offriamo una possibilità ai non vedenti di affacciarsi al mondo dello sport. Non abbiamo cambiato la denominazione sociale malgrado oggi ci occupiamo anche di nuoto e di judo”.

In cosa consiste il torball?

Si gioca in un campo lungo 16 metri e largo 7, diviso a metà da tre cordicelle alle quali sono legati dei campanellini e con due porte nei lati corti. Anche il pallone è fornito all’interno di campanelli in modo tale che i giocatori possano individuarlo tramite l’udito. È uno sport molto simile al tennis: durante il gioco il silenzio è necessario, ma nelle pause si può fare tutto il bordello che si vuole! Ogni squadra conta tre giocatori titolari, che si muovono all’interno della loro area, dove sono posizionati tre tappetini distanziati fra loro che li aiutano a non scontrarsi. Entro 7 secondi la palla deve essere tirata nell’area avversaria facendola passare sotto le cordicelle. Si subisce un tiro rigore (con l’espulsione temporanea del giocatore) se la palla va sopra le corde, se si appoggiano le mani a terra in possesso di palla e se ci si tuffa per recuperare il pallone prima che lo stesso venga tirato dalla squadra avversaria. Le partite durano 10 minuti l’una, ma si gioca in raggruppamenti che prevedono molte gare in un solo giorno.

Quali altri sport possono essere praticati dai non vedenti?

Esistono tre categorie di non vedenti: B1, ciechi assoluti, B2 e B3, ipovedenti. Gli ipovedenti hanno la possibilità di praticare più sport, ma in generale quasi tutti possono praticare il nuoto, il judo, il torball e il goalball (simile al torball, ma con un campo più grande e senza tappetini di posizione). L’atletica leggera è molto diffusa: nella corsa, ad esempio, si corre con un altro atleta-guida vedente che deve essere altrettanto allenato perché viene legato al braccio del corridore. Alcuni praticano lo sci, sia di fondo che alpino (ma ci vuole molto coraggio perché è un vedente che guida a distanza lo sciatore!), altri addirittura canottaggio ed equitazione. L’ultima novità (ancora io non ho potuto assistere ad alcuna partita del genere) è il calcio: i portieri sono vedenti, gli altri giocatori no. Si usa un pallone con campanelli e dalle porte provengono dei suoni che aiutano i calciatori ad orientarsi.

Le squadre catanesi a che livello giocano?

on il torball sfortunatamente quest’anno siamo retrocessi in Serie C (per un solo punto in meno rispetto al Piacenza, ndr). Nello judo, due ragazzi l’anno scorso sono approdati alle nazionali. Ci alleniamo presso la Piscina di Nesima per il nuoto, a San Filippo Neri per lo judo e alla Palestra della Playa per il torball. Presto riprenderemo gli allenamenti, sperando di continuare a divertirci!

Lo sport si dimostra ancora una volta un mezzo per superare le barriere, fisiche e sociali. Gli sport più praticati dai disabili sono ai più sconosciuti perché ignorati dai media: andrebbero quindi valorizzati per sensibilizzare il pubblico. Sul nostro webmagazine, continueremo a seguire il Catania Torball, con l’augurio che in futuro la squadra ritorni in Serie B e che nelle altre discipline continui con i suoi ottimi risultati!